Prix Grisignano, protesta dei lavoratori licenziati: arriva la polizia

Giovedì mattina, alle 4, davanti al magazzino Prix di Grisignano, è iniziata la seconda giornata consecutiva di protesta dei lavoratori delle cooperative licenziati. Ad arginare la manifestazione e permettere così l'attività di carico scarico, sono arrivati alcuni mezzi della polizia. IL VIDEO

L'arrivo della polizia al magazzino del Prix (foto Adl Cobas)

Secondo giorno consecutivo di protesta dei 53 lavoratori delle cooperative che gestiscono il magazzino Prix di Grisignano, licenziati per poter permettere all'azienda di usufruire dei vantaggi offerti da Jobs Act. Dopo diversi tentativi di trovare accordi, "puntualmente disattesi" rietiene il sindacato Adl Cobas, mercoledì gli ingressi della struttura sono stati presidiati per l'intera giornata, impedento l'attività e giovedì, all'alba, sono arrivati diversi mezzi della polizia per limitare il blocco

polizia prix-2-2-2IL VIDEO

Aggiornamenti nel corso della giornata. 

Aggiornamento delle 18

Dal punto di vista delle trattative la situazione non si sblocca, la protesta continua ad oltranza. Intanto, in tutto il Veneto si registrano iniziative di solidarietà verso la protesta vicentina e i 53 lavoratori coinvolti nella vertenza sindacale. Cartelloni e volantini che invitano i clienti al boicottaggio sono stati distribuiti in molti punti vendita della catena dagli attivisti dei centri sociali. Oltre al Prix di Sant'Agostino a Vicenza, tra i primi supermercati coinvolti dall'iniziativa anche un market di Treviso e uno di Venezia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento