Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

La fertilità è condizionata anche dallo stile di vita e da una corretta alimentazione. Scopri la dieta ideale che dovrebbe seguire chi cerca una gravidanza e quali cibi andrebbero assolutamente evitati

Fertilità e alimentazione, un binomio inscindibile. La salute sessuale, infatti, inizia dalla tavola. Una dieta equilibrata, varia e salutare è di fondamentale importanza per l’equilibrio e il benessere.
Oggigiorno l’infertilità colpisce circa il 15% della popolazione mondiale e il fattore maschile sembra essere responsabile del 40-50% di questi casi, in Italia secondo dati del Ministero della Salute una coppia su 5 che cerca una gravidanza ha difficoltà a concepire un bambino. Il declino della fertilità è più evidente nei paesi sviluppati e industrializzati, dove fattori ambientali e uno stile di vita non sano contribuiscono maggiormente. 

PER L’UOMO
Secondo uno studio bastano due mesi con molta attività fisica, e una dieta ricca di frutta e verdura per avere spermatozoi più sani. Circa 800-1000 milligrammi al giorno di antiossidanti vegetali, contenuti in 300 grammi di frutta e verdura, possono raddoppiare in due mesi la motilità degli spermatozoi. Tra gli attori fondamentali per la qualità e la capacità di fecondazione sono da annoverare: vitamina C, vitamina E, zinco, folati e beta-carotene presenti in frutta e verdura, ma anche nei legumi.
Il tema della qualità degli spermatozoi non è da sottovalutare, perché se è vero che più è alto il numero di spermatozoi, maggiore è la possibilità di fecondare con successo, non bisogna dimenticare che la capacità di procreazione maschile dipende anche dallo stato di salute dello spermatozoo. E quello dell’infertilità è un problema più diffuso di quanto si possa pensare.

PER LA DONNA
Chi mangia poca frutta ha il 50% di probabilità in più di essere sterile.
Tutti i dettagli dello studio che si trovano pubblicati sulla rivista scientifica Human Reproduction, alcuni dati sorprendenti saltano subito all'occhio. I ricercatori hanno scoperto che le donne che consumavano poca o per niente frutta presentavano ben il 50% di probabilità in più di essere sterili. le donne che mangiavano al  fast food, per ben quattro o più volte a settimana impiegavano circa un mese in più per rimanere incinte. Anche il loro rischio di infertilità è risultato raddoppiato salendo dall'8 al 16%.-


Alimenti benefici e deleteri per la fertilità
Uno dei modelli dietetici più salutari è la dieta mediterranea, caratterizzata da un elevato consumo di olio d'oliva, frutta, noci, legumi, verdure e cereali integrali; un consumo moderato di pesce, pollame e vino; e un basso consumo di latticini, carni rosse, carni lavorate e dolci. Deleteri: carne, alimenti a base di soia, patate, prodotti caseari integrali, caffè, bevande alcoliche e zuccherate e dolciumi. 

IL PESO

L’obesità è tra i principali fattori capaci di influenzare la fertilità in ambo i sessi, come anche il fumo e la sedentarietà. Infatti, le donne sottopeso, ma anche quelle sovrappeso/obese, possono avere probabilità di concepimento inferiore rispetto alle normopeso.

La dieta per la fertilità adatta a uomini e donne


Ma quali sono i cibi che non dovrebbero mancare sulla tua tavola per aiutare il concepimento e favorire la fertilità? Ecco una lista dei più importanti.

  • Omega 3: gli alimenti che contengono omega 3 mantengono in ottima forma l’apparato riproduttivo, migliorando la produzione di ovuli; via libera quindi al pesce azzurro (acciughe, sarde, sgombri), alle verdure a foglia larga ma anche a olio EVO e frutta secca come noci e mandorle.
  • Vitamine: tra le vitamine che agevolano il concepimento, molto importanti sono la vitamina C e la E, che agiscono come potenti antiossidanti. Assumi frutta fresca e secca, verdura, legumi e cereali, meglio se integrali, ma senza esagerare: se si supera la soglia limite di 1000 mg al giorno, infatti, possono agire come antistaminico e asciugare il muco cervicale. La vitamina A, presente nelle carote, nel radicchio verde, nei cachi, è invece utile per la fertilità maschile, dal momento che garantisce una corretta spermatogenesi.
  • Acido folico: la vitamina B9, o acido folico, fa parte del gruppo delle vitamine idrosolubili, quelle che non possono essere accumulate nell’organismo, ma devono essere regolarmente assunte attraverso l’alimentazione. Questa sostanza protegge e agevola lo sviluppo dell’embrione e del sistema nervoso del feto ed è importante iniziare ad assumerla ancor prima di rimanere incinta. L’acido folico è presente in grandi quantità nei cereali, nel lievito di birra, nel fegato e nelle verdure a foglia, in particolare spinaci broccoli, asparagi e lattuga.
  • Proteine vegetali: le proteine hanno un ruolo importantissimo anche nella fertilità, per “costruire” muscoli, tessuti e organi. È meglio ridurre (ma non eliminare!) il consumo di carne, prediligendo le proteine di origine vegetale, come quelle contenute in legumi e cereali.
  • Sali minerali: magnesio, zinco e selenio aiutano a mantenere il giusto livello ormonale, favoriscono la qualità degli ovociti, e anche la fertilità dell’uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto blocca un ragazzo, scoppia il caos in piazza Castello

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

  • Piazza dei Signori ospita la Supercoppa di volley femminile: finale in diretta Rai

  • Schianto mortale, auto si cappotta contro un muretto: conducente perde la vita

  • Scopri i top 4 agriturismo estivi: freschi, economici e con buona cucina

  • "È normale essere preso per il collo da un agente?", Bocciodromo in tribunale per Denis

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento