rotate-mobile
Cronaca

Vicenza, 15 anni alla banda del blindato, tra i condannati anche un ex della mala del Brenta

Avevano simulato una rapina ad un blindato, il giudice c'è andato pesante: inflitti 15 anni a tre membri della banda, tra loro anche un ex della mala del Brenta

Sentenza pesante quella letta dal collegio presieduto da Maurizio Gianesini (giudici Michela Rizzi e Barbara Maria Trenti), dopo la camera di consiglio, a carico di quella che i giornali hanno definito la banda del blindato. Il gruppo di persone arrestate dopo la rapina simulata ad un furgone blindato a Torri di Quartesolo nell'estate di tre anni fa è stato condannato a 15 anni. Tra accusa e difesa finisce, però, in pareggio: tre i condannati, tre gli assolti.  Come riferisce il Giornale di Vicenza, il pubblico ministero Luigi Salvadori, aveva sollecitato  i giudici ad essere ancora più severi chiedendo un totale di oltre 30 anni di carcere per tutti gli imputati rimasti.  Nel maggio di un anno fa durante il processo preliminare, quattro componenti della banda avevano patteggiato mentre  in sei erano stati condannati a 21 anni di carcere.

L´Indagine era partita dopo l´allarme rapina lanciato nel luglio  del 2011 da una guardia giurata.  Alla polizia fu presto chiaro che si trattava di un falso allarme, i soldi erano sparitii ma grazia ad un accordo illecito fra la guardia e la banda, che tra i sui componenti annoverava un ex esponente della mala del Brenta. Dopo i primi arresti, l´inchiesta, tra le più complesse degli ultimi anni, condotta dal vicequestore Michele Marchese e dal sostituto commissario Giampaolo Bettini, portò, tra le altre cose, al sequestro di 10,8 chilogrammi di esplosivo al tritolo, destinato probabilmente ad un nnuovo assalto, questa volta reale.  Martedì le condanne, 36 anni il totale delle pene inflitte. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza, 15 anni alla banda del blindato, tra i condannati anche un ex della mala del Brenta

VicenzaToday è in caricamento