rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Acqua inquinata, arriva il “NO PFAS DAY” nel Vicentino

Domenica 10 aprile, in collaborazione con le amministrazioni locali di Lonigo, Sarego, Brendola, Veronella e Legnago, il Coordinamento Acqua Libera dai Pfas, in tutti i comuni che hanno aderito all'iniziativa, saranno allestiti appositi spazi per raccogliere le firme a sostegno di due petizioni

Domenica 10 aprile, in collaborazione con le amministrazioni locali di Lonigo, Sarego, Brendola, Veronella e Legnago, il Coordinamento Acqua Libera dai Pfas, in tutti i comuni che hanno aderito all’iniziativa, saranno allestiti appositi spazi per raccogliere le firme a sostegno di due petizioni.

La prima, riguarda una richiesta alla Regione Veneto  di  cambiare le fonti di approvvigionamento degli acquedotti contaminati dalle sostanze perfluoroalchiliche; la seconda invece, riguarda la richiesta ai Ministeri dell’Ambiente e della Salute di definire i limiti di legge alla presenza di queste sostanze nelle acque potabili,nelle falde acquifere e nelle acque di scarico, limiti che dovranno essere equiparati alle normative più restrittive attualmente vigenti a livello internazionale.

Tali petizioni, saranno possibili firmale anche nelle città di Vicenza in Corso Palladio, Montagnana, Este, Solesino e Noventa Vicentina, dove saranno presenti spazi allestiti da movimenti e rappresentanti politici oltre che da  privati cittadini a sostegno dell’iniziativa.

In una nota ufficiale, il Coordinamento informa che, nella giornata di venerdì 8 aprile, le petizioni sono state accettate anche dai seguenti comuni: Pressana, Zimella, Boschi  Sant’Anna, Creazzo, Pojana Maggiore, Zermeghedo e Sovizzo, dove è possibile firmare le petizioni  nelle sedi comunali. Le petizioni possono  essere sottoscritte anche online alla pagina internet www.bastapfas.wordpress.com.

Il Coordinamento Acqua Libera dai Pfas invita tutti i cittadini farsi protagonisti in prima persona  della  salvaguardia della propria  salute e del proprio territorio firmando le due petizioni.

Il Coordinamento Acqua Libera dai Pfas ringrazia tutte le amministrazioni comunali i rappresentanti politici le associazioni  e i semplici cittadini che si stanno prodigando  nel contrasto al grave  inquinamento che il nostro territorio sta affrondando, convinti che solo  attraverso un’ ampia  e trasparente collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti,istituzionali e non, si possano raggiungere gli obbiettivi che sono stati votati  all’unanimità dal consiglio Regionale del Veneto con la Delibera n.77 del 22 marzo 2016.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua inquinata, arriva il “NO PFAS DAY” nel Vicentino

VicenzaToday è in caricamento