menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il feretro portato in spalla dai compagni dell'Italia mondiale

Il feretro portato in spalla dai compagni dell'Italia mondiale

L'addio a Paolo Rossi, ultimi applausi per Pablito

Una città in lutto ha accolto il feretro all'entrata della cattedrale di Vicenza. Moltissimi i vicentini, all'esterno dietro alle transenne, a intonare "Paolo, Paolo...". La bara portata a spalle dal figlio Alessandro e dai compagni del mondiale '82, sopra di essa, davanti all'altare, la maglia degli azzurri con il numero 20

Addio Paolo, una città in lutto

Dopo il lungo saluto di ieri alla camera ardente di Paolo Rossi, tributato da migliaia di vicentini sul terreno del Romeo Menti, si è concluso verso mezzogiorno di sabato 12 dicembre il funerale del giocatore al Duomo di Vicenza, alla presenza di amici e colleghi eccellenti. Il feretro del grande bomber è arrivato in chiesa poco dopo le 10, portato in spalla da alcuni personaggi famosi, tra cui Marco Tardelli, Spillo Altobelli e Antonio Cabrini. Molti altri ospiti eccellenti non hanno voluto far mancare la loro presenza: da Dossena a Galderisi, da Maldini a Bergomi, da Bruno Conti a Collovati e a molti altri.

Tanti anche gli ex compagni del Lane, con in testa Beppe Lelj e Giorgio Carrera. Per ultimo, quando tutti erano già entrati, l’arrivo dell’altro Pallone d’Oro, Roberto Baggio, che in questi giorni ha avuto parole molto affettuose per Pablito. In rappresentanza delle istituzioni hanno portato il loro saluto il sottosegretario Variati e il sindaco berico Francesco Rucco. Per la società di via Schio ha partecipato al rito il presidente Stefano Rosso, con una delegazione di giocatori (quelli non partiti per Pescara) e del settore giovanile.

1e087d38-cadc-4151-8084-e8f9f6cbb8d2-2

Molti anche in questa occasione i semplici supporters, stipati oltre le transenne di lato al tempio nonché dalla parte di piazza delle Poste, con bandiere, striscioni e sciarpe e che hanno intonato i loro cori in omaggio al loro idolo. La salma di Paolo Rossi, verrà adesso trasportata a Perugia, dove, oltre ad un breve saluto sul terreno del Curi, è prevista la cremazione secondo disposizioni della famiglia. Le ceneri saranno successivamente traslate nella proprietà di Poggio Cennina in Val d’Ambra (Arezzo).

L'arrivo del feretro

"Paolo, Paolo.." I Vicentini si sono stretti, in tantissimi, attorno a Paolo Rossi per l'ultimo addio, intonando dietro alle transenne il saluto al campione all'arrivo del feretro in piazza Duomo a Vicenza. Gravina, presidente Figc, ha deposto sulla bara una maglia azzurra della nazionale italiana con il numero 20. È il numero indossato da Paolo ai Mondiali spagnoli.

c0a0638e-1d24-4a2e-9fc8-ae2aa7e392b5-3

Il feretro di Pablito è entrato nella cattedrale portato a spalla dagli ex compagni della nazionale "mondiale". In prima fila Cabrini, Tardelli, Antognoni, Collovati. Compagni di squadra ma soprattutto amici che ora piangono il bomber del mondiale '82. All'esterno, ad accogliere Paolo, anche Beppe Bergomi, Paolo Maldini, Stefano Tacconi e Alessandro Altobelli.

Tutti stretti in un grande abbraccio alla moglie Federica Cappelletti, alle figlie Maria Vittoria e Sofia Elena Rossi,  al figlio Alessandro Rossi e alla prima moglie Simonetta Rizzato. La cerimonia funebre,  trasmessa in diretta tv su Rai2 e Sky Sport, iniziata alle 10:30, è riservata ai famigliari e ai soli invitati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Spv, «il decollo mancato» di una ruspa e il sarcasmo del web

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento