Martedì, 16 Luglio 2024
Calcio

Domenica con l’Arzi, 122 anni di Lane

Il prepartita di mister Vecchi

In conferenza stampa mister Vecchi parla del Padova, della partita di domani al Menti (ore 20.45 con arbitro il signor Remondino di PALERMO) e del momento della squadra biancorossa.

Quando parla Vecchi è il caso di stare bene ad ascoltarlo. Niente trionfalismi e piedi saldi per terra, nonostante dal recente confronto all’Euganeo il suo Vicenza non esca ridimensionato, anzi. “Dalla partita coi biancoscudati siamo usciti con maggiori certezze e vediamo confermati i nostri progressi sia in termini di risultati che di prestazioni. Nel calcio la qualità paga sempre, anche se si deve poi far conto della casualità.” - Ma domani l’avversario non sarà la vicecapolista…

“E’ chiaro che l’Arzignano non ha la stessa qualità degli uomini di Torrente, ma per loro è ogni volta la partita della Storia e sta a noi prenderla con la dovuta serietà.”

- Problemi di formazione?

“Siamo usciti dal derby senza problemi di natura fisica e questo è un ottimo risultato. Oggi pomeriggio ci alleneremo, ma spero di aver recuperato al 100% Talarico e anche Rossi sta meglio, anche se non è nel pieno della forma. Purtroppo dovremo ancora fare a meno di Proia. Giocando così a breve distanza da mercoledì, posso essere chiamato a fare delle scelte ma ho alternative valide dappertutto. Sandon mi ha completamente soddisfatto, ma anche Laezza è arruolabile. Darò la precedenza allo stato di forma e non alla carta di identità, così come ho fatto con Tronchin e Cavion, che adesso sta meglio non è ancora al top. Costa ha tirato tanto la carretta, ma è forte e non credo sia stanco. In ogni caso ho un Greco in gran spolvero. Davanti ho tre attaccanti che mi danno una rosa di scelte importante e anche Delle Monache è pronto. Lui ha solo la sfortuna che il suo arrivo è coinciso con un momento di grazia della squadra ed è difficile toccare un giocattolo che funziona tanto bene. Ma arriverà anche il suo momento.”

- Che partita si aspetta domani?

“L’Arzignano potrebbe farci soffrire in mezzo al campo. In quella zona avrò bisogno come al solito del concorso degli attaccanti per non restare in inferiorità numerica. Se Ferrari & C. saranno bravi a fare filtro, noi potremo sfruttare in altre zone di campo l’uomo in più e su questo diventiamo spesso micidiali. Mi aspetto una gara più fisica di quella di Padova, ma sono stato soddisfatto della nostra tenuta atletica, che è in costante crescita. Gli uomini di Bianchini sono validi, non disdegnano il gioco e sono ben organizzati in campo. Dobbiamo essere pronti ad affrontare anche l’imprevisto, che è sempre dietro l’angolo.”

- Con Padova però avete fatto bene anche sul piano della tenuta…

“E’ vero, abbiamo mollato solo nell’ultimo quarto d’ora, quando loro non avevano più nulla da perdere. Ci è dispiaciuto moltissimo non dare ai nostri tifosi la gioia di una vittoria, ma penso che siano stati lo stesso gratificati dalla nostra prestazione. Oggi è l’anniversario della fondazione del Lane e domani so che lo stadio ci riserverà un’accoglienza particolare. Questo ci responsabilizza ancora di più. Vogliamo vincere e vincere senza fare troppi calcoli.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenica con l’Arzi, 122 anni di Lane
VicenzaToday è in caricamento