Tampone «negato» a un candidato di centrosinistra, polemica sulla sanità veneta

La denuncia è del trissinese Massimo Follesa che corre alle regionali con Arturo Lorenzoni, il quale secondo alcuni boatos di palazzo si sarebbe contagiato proprio in terra berica: e il filmato che contiene la registrazione di una telefonata con un operatore del centro covid finisce su Youtube

L'architetto Massimo Follesa durante un sit-in contro la sottrazione di suolo da parte della Spv (repertorio, foto Marco Milioni)

Chiede di farsi praticare un «tampone immediato» per verificare se è contagiato da coronavirus perché è stato a contatto molte ore con un infetto ma: il servizio sanitario regionale tergiversa. E così carica su Youtube la telefonata con l'operatore lanciando in questo modo una accusa diretta alla giunta regionale: «lo slogan tamponi per tutti lanciato dal governatore leghista veneto Luca Zaia è solo una favoletta che cozza con la dura realtà».

LA SASSATA
A scagliare una sassata in pieno volto al governatore è l'architetto trissinese Massimo Follesa, uno degli attivisti più noti nella galassia degli oppositori alla Superstrada pedemontana veneta. In questa vicenda però c'è un dettaglio tutto politico: Follesa è candidato al consiglio regionale con «Il Veneto che vogliamo» la lista di centrosinistra che fa capo al principale sfidante di Zaia ossia Arturo Lorenzoni. Ed è proprio quest'ultimo, della cui positività al test del coronavirus i media stanno parlando da ventiquattr'ore, che sarebbe il contatto caldo per il quale Follesa ha chiesto, «invano» l'intervento del numero verde dedicato alle emergenze Covid-19.

ZAIA E I SUOI DIRIGENTI NEL MIRINO
«Adesso mettetevi nei miei panni e ditemi voi - sbotta Follesa ai taccuini di Vicenzatoday.it - che cosa caspita devo raccontare alle persone che mi hanno incontrato dopo il 28 agosto? Zaia deve venire qui a Vicenza e spiegare perché in terra berica, a differenza di quanto accade all'ospedale di Padova i sospetti contagiati non possano essere immediatamente sottoposti a tampone. Zaia deve uscire da Facebook e dall'etere delle sue pseudo-conferenze stampa senza contraddittorio a uditòri unificati e deve venire a spiegarci qui il perché di questa cusuccia qui. Lo sfido in pubblico davanti al sottoscritto a spiegare perché un tampone imemdiato sia stato negato ad una persona come il sottoscritto che è stata a contatto con un contagiato. Quanti casi del genere si sono verificati nel Veneto? I massimi dirigenti della sanità veneta, non solo Zaia, devono spiegarci i motivi di questa vergogna». Si tratta di parole che pesano come macigni e che per vero non sono del tutte nuove al candidato il quale il primo del mese di settembre (il video relativo è stato però pubblicato tre giorni dopo) durante un incontro elettorale in piazza San Lorenzo a Vicenza aveva sparato bordate a palle incatenate assieme a Matilde Cortese (altro volto di spicco della galassia dei critici della Spv) e assieme all'avvocato vicentino Renato Ellero il quale a sua volta da anni denuncia alcune condotto della sanità vicentina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CONTAGIO IN TERRA BERICA
Il 28 agosto peraltro è la data in cui Follesa ha incontrato appunto Lorenzoni al quale peraltro l'architetto in una nota diramata oggi 5 settembre fa «i migliori auguri per una pronta guarigione». Frattanto da palazzo Moroni, sede del comune di Padova dove fino a pochi giorni fa Lorenzoni occupava la poltrona di vicesindaco, le voci si moltiplicano. Voci secondo le quali Lorenzoni sarebbe stato contagiato a fine agosto nell'Alto vicentino, forse a Schio, durante una fase molto concitata della campagna elettorale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento