"E' il nono ponte che crolla in 3 anni": le concessioni sono secretate

L'esperto consulente ambientale Erasmo Venosi traccia un quadro inquietante sulle collusioni tra i sequestri in 27 cementifici e la tragedia di Genova

Foto di edgardo genova

I fatti separati dalle strumentalizzazioni! E’ il nono ponte che cade, in tre anni.

Così il consulente ambientale Erasmo Venosi, all'indomani della tragedia epocale che ha colpito la città di Genova, denuncia l'inesistente concetto di “ investimento netto” nel decisore pubblico, che tradotto vuol dire “non usare i soldi solo, per costruire opere nuove ma tieni conto, che le opere già fatte vanno tenute efficienti”.

 Non solo, Venosi prosegue con questi interrogativi inquietanti

Che sviluppo ha avuto il sequestro da parte della Procura di Lecce lo scorso anno , in 27 cementifici, dei rifiuti speciali prodotti dalla combustione del carbone nella centrale di Brindisi e utilizzati nella produzione del cemento?  

Incidono sulle caratteristiche fisiche e meccaniche del materiale utilizzato nella costruzione?

La sollecitazione denominata di fatica a cui è soggetto il ponte , e caratterizzata da infiniti cicli che presentano valori massimi e minimi alternati come può impattare su una struttura di cemento in cui è stato usato eventualmente una percentuale di rifiuti speciali da combustione del carbone ?

Ammissibile ancora oggi che il contenuto delle 27 concessioni autostradali compresi i piani economico finanziari siano secretati?

Quali le motivazioni politiche hanno consentito di tenere fuori l’Autorità dei Trasporti dalle questioni che riguardano i concessionari autostradali ?

Quali le motivazioni hanno indotto il ministero dei trasporti di non rispondere alle due interrogazioni del senatore Maurizio Rossi che denunciava il rischio del ponte crollato ?

"Non era nelle competenze del ministero - conclude Venosi - Ma un allarme su un ponte che è a rischio e presenta un cedimento dei giunti non può non ricevere risposte! - e aggiunge - Scandalosi gli articoli dei giornali al servizio di tondinari, cementieri e banchieri! Dell'esistente se ne strabattono perchè essendo maggiordomi chiedono nuove opere a prescindere dalla valutazione e solo perchè richieste dai loro padroni"

GLI AGGIORNAMENTI SU GENOVATODAY

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

Torna su
VicenzaToday è in caricamento