rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Pfas: divieto di irrigare e abbeverare animali dai pozzi privati

Martedì si è tenuto il Consiglio Straordinario sull'inquinamento da sostanze perfluoroalchiliche, richiesto da Cristina Guarda, della Lista Moretti. Lunedì La Regione ha inviato una lettera alle Ulss per vietare l'uso dell'acqua dei pozzi privati anche i agricoltura nei comuni di Brendola, Grancona, Lonigo, Sarego, Creazzo, Pojana Maggiore, San Germano dei Berici, Vicenza, Sossano, Altavilla, Noventa, Orgiano

"Chiedere al Ministero di fissare dei limiti ai PFAS e finanziamenti per la bonifica (finora sono stati spesi più di 2 milioni di euro) per far fronte alle spese dei sistemi di filtraggio e delle analisi di campionamento; fornire più informazioni ai cittadini e ai sindaci; svolgere un'ulteriore analisi sugli alimenti; valutare nuove fonti di approvvigionamento idrico prive di sostanze; attuare interventi di prevenzione sulla catena alimentare e agricola; verificare che la fonte dell'inquinamento dall'azienda Miteni sia definitivamente cessata; quantificare tutti i costi sostenuti finora al fine di possibili risarcimenti da parte dei responsabili; assumere iniziative per stabilire limiti certi alle sostanze PFAS, anche in sede comunitaria; incaricare l'avvocatura regionale di effettuare possibili azioni legali per un risarcimento secondo il principio di "chi inquina paga"; richiedere adeguate risorse al Ministero dell'Ambiente".

Sono gli emendamenti approvati dal Consiglio Straordinario tenutosi lunedì pomeriggio in Regione Veneto sul grave caso in inquinamento ambientale che coinvolge tre province (Vicenza, Verona e Padova) e centinaia di migliaia di cittadini. Non solo:  è stata inviata una lettera alle Ulss per vietare l'uso dell'acqua dei pozzi privati anche i agricoltura nei comuni di Brendola, Grancona, Lonigo, Sarego, Creazzo, Pojana Maggiore, San Germano dei Berici, Vicenza, Sossano, Altavilla, Noventa, Orgiano, nel Vicentino.

La consigliera Cristina Guarda, Lista Moretti, promotrice del Consiglio Straordinario, commenta così: "La mozione passa e viene condivisa. Un lavoro di squadra, che parte dai consiglieri di minoranza ma è stata appoggiata con un più ampio consenso anche dai consiglieri di maggioranza, con emendamenti aggiuntivi".

cristina guarda-2“Prima del Consiglio – spiega Cristina Guarda -, ho ritenuto necessario organizzare un incontro tra il presidente Ciambetti e tutti i consiglieri, affinchè ascoltassero le associazioni del territorio che da molti anni si occupano della questione. Ci tengo quindi a ringraziare Legambiente Veneto e provinciali, ISDE Medici per l'Ambiente e il Coordinamento Acqua Libera dai PFAS”. “Durante la seduta – prosegue la consigliera - sono stati trattati molti aspetti del problema, che rimarcano la complessità di questo inquinamento che riguarda la salute dei cittadini e la tutela dell'ambiente e dell'agricoltura. A livello più tecnico abbiamo discusso su tempistiche di attuazione, mancanza di informazioni e imprecisioni. Si è discusso di filtri di depurazione, dello stato delle falde e degli acquedotti, delle indagini sugli alimenti e di quelle ematologiche sulle persone, ma sono mancate le risposte sul futuro: ad oggi non sappiamo se c'è una programmazione o una progettazione”. Per quel che riguarda l'intervento degli assessori competenti, la consigliera Guarda ha accolto con favore le parole dell'assessore alla sanità Coletto: "Sono contenta che l'assessore sia disposto a condividere le progettualità future. Ora mi aspetto, non appena inizieranno nuove pianificazioni, di avere la possibilità di interagire. Inoltre sarà mia premura chiedere ciclicamente se ci sono sviluppi".

La consigliera giudica invece negativamente la risposta dell'assessore all'ambiente Bottacin: "Non occorreva farci vedere e dirci dove trovare i dati dei monitoraggi Arpav su internet, già lo sapevamo, e lo sanno anche i cittadini. Sappiamo anche che mostrano che i sistemi di filtraggio funzionano e che la regione dal 2013 ad oggi ha applicato le disposizioni dell'istituto Superiore di Sanità, ma l'assessore non ha risposto alla domanda su cosa si intende fare in futuro: ci teniamo i filtri a vita? E chi li paga, visto che costano 90.000 euro ogni due mesi? Sono stati considerati allacciamenti alternativi a fonti di approvvigionamento libere dai Pfas? In generale poche le risposte sul futuro, ma avremo modo di tornarci con le varie interrogazioni già depositate. La Regione deve darci tempi certi sulla conclusione del biomonitoraggio, delle analisi epidemiologiche e del monitoraggio sulla catena alimentare, deve darci tempi certi sugli interventi per nuovi approvvigionamenti del sistema acquedottistico e sugli interventi per le acque superficiali, che sono assolutamente accessibili e volti ad una riduzione della concentrazione delle sostanze nei canali usati per l'attività di irrigazione".


“La mozione approvata – conclude Cristina Guarda - impegna dunque la Giunta ad una serie di azioni future, scritte con spirito collaborativo al fine di tutelare i cittadini e l'ambiente. Ora attendiamo le azioni, ma invitiamo la Giunta anche a considerare chi dovrà pagare tutto ciò".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pfas: divieto di irrigare e abbeverare animali dai pozzi privati

VicenzaToday è in caricamento