rotate-mobile
Politica Rosà

Pastasciutta antifascista, la sindaca dice No: il Pd grida alla censura

Luisetto: "Decisione senza giustificazioni e fuori dalla storia". Alle accuse mosse dalla consigliera dem arriva la ferma risposta del primo cittadino rosatese

"È gravissimo che la sindaca di Rosà, coprendosi dietro motivazioni a dir poco assurde, abbia negato gli spazi per tenere la 'Pastasciutta antifascista". Questo il giudizio della consigliera regionale del Pd Veneto, Chiara Luisetto, alla luce della decisione della prima cittadina Elena Mezzalira di non concedere l'autorizzazione all'utilizzo del Parco di via Sacro Cuore a San Pietro di Rosà, richiesta da quattro sezioni ANPI (Altopiano dei 7 Comuni, Bassano del Grappa, Marostica, Valbrenta).

"Una scelta che è di censura nei confronti di chi vuole giustamente coltivare il ricordo di quel 25 luglio del 1943. Una data che, al pari del 25 aprile, segna una svolta storica, sulla strada che condusse all'Italia repubblicana. Quel generoso gesto della famiglia Cervi che offrì 380 chili di pasta al burro a tutto il paese di Campegine per festeggiare la caduta fascista, va rinnovato. Perché è emblema di una volontà: tenere alta la difesa della libertà e della democrazia".

Luisetto evidenzia in negativo le motivazioni del divieto imposto dalla sindaca: "sostenere che questa manifestazione può essere 'richiamo di disordini e di problemi di sicurezza e ordine pubblico' è inaccettabile. Parliamo di un'associazione, l'ANPI, che in ogni occasione sostiene e testimonia concretamente i valori della pace, tanto nelle manifestazioni quanto attraverso le prese di posizione a difesa della Costituzione che da sempre porta avanti. Soprattutto in questo tempo, segnato dalla guerra in Ucraina, una guerra in Europa, che ci ricorda l'importanza di riaffermare i valori propugnati dall'antifascismo. La decisione della sindaca è senza giustificazioni e fuori dalla storia. Una scelta di pura strumentalizzazione politica".

Alle accuse mosse dalla consigliera dem arriva la ferma risposta della sindaca di Rosà Elena Mezzalira:
«L'Amministrazione comunale non può autorizzare, e mai lo ha fatto neppure in passato, l'uso di un parco pubblico per un'iniziativa che non rispetta il regolamento di utilizzo e gestione, che prevede una destinazione socio-ricreativa - sottolinea il primo cittadino rosatese - Solo venerdì scorso abbiamo ricevuto la richiesta di utilizzo da parte dei promotori. Ma la diffusione sui social di volantini col titolo di “pastasciutta antifascista” fa pensare che non si tratti solo di un appuntamento conviviale o culturale. Mi lascia perplessa la presa di posizione della consigliera regionale Chiara Luisetto, che, nelle sue dichiarazioni, ha fatto un uso propagandistico e strumentale della vicenda. Gli organizzatori sono liberi di trovare un’altra sede».


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pastasciutta antifascista, la sindaca dice No: il Pd grida alla censura

VicenzaToday è in caricamento