Aldo Grasso: ascesa e caduta del divo televisivo

Come nasce un divo della tv? E come può cadere nell’oblio o peggio in una sorta di “rovina mediatica”? Lo racconta attraverso degli aneddoti curiosi e graffianti Aldo Grasso, il più importante critico televisivo italiano, nel primo dei tre incontri della rassegna "Quel che resta dei divi. Divismo e spettacolo tra fotografia, musica e scienza" proposti alle Gallerie d’Italia - Palazzo Leoni Montanari, Vicenza, in collaborazione con Observa Science in Society, in occasione della mostra "Paparazzi. Fotografi e divi dalla Dolce Vita a oggi" (dal 6 ottobre 2018 al 3 febbraio 2019).

Aldo Grasso, giornalista, nasce in provincia di Cuneo nel 1948. Dal 1990 al Corriere della Sera, cura la Garzantina della televisione (1996, 2002, 2004, 2008) e scrive diversi libri, fra i quali: Storia della televisione italiana (Garzanti 1992), La tv del sommerso. Viaggio nell’Italia delle tv locali (Mondadori 2006). Italia alla Tv. La critica televisiva nelle pagine del Corriere della sera (Rizzoli 2010). Prima lezione sulla televisione (Laterza 2011). Invito alla televisione (La Scuola 2012).

Insegna Storia della radio e della televisione all’Università Cattolica di Milano. Ha diretto le tre reti radiofoniche della Rai «nella breve stagione dei “professori”» (1993-1994). Molto seguìto è anche il suo forum multimediale sul sito del Corriere della Sera “TeleVisioni”, come ricorda Giorgio Dell’Arti nella sua biografia su cinquantamila.it.
«La mia vita funziona così: io lavoro con il televisore acceso, di tanto in tanto registro qualche programma e poi, quando decido quale recensire, mi siedo dinanzi e lo guardo con un taccuino. È una vita un po’ d’inferno, senza pause o festività. I film sono un lusso: non dovendoli recensire sono costretto, per ragioni di tempo, a non vederli. Ho cercato di darmi una disciplina. Non conosco personalmente chi fa la televisione. Conosciute dal vero, tutte le persone sono buone. Io giudico dei fantasmi. La critica televisiva è un genere come quello letterario o cinematografico. Ha regole precise. Per essere efficace deve avere una sua virulenza. Io sono una delle persone più odiate d’Italia. E lo so. No, non mi dispiace. Né mendico comprensione».

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

È consigliata la prenotazione su Eventbrite o tramite i contatti:
info@palazzomontanari.com - numero verde 800.578875
observa@observanet.it - tel. 0444.305454
Facebook.com/Observa.ScienceInSociety

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Una serie di incontri di donne per le donne

    • Gratis
    • dal 23 ottobre 2020 al 14 maggio 2021
    • 'ex Casa del Fascio a Barbarano

I più visti

  • Ogni giorno tutti i mercati in città e in provincia di Vicenza

    • Gratis
    • dal 20 settembre 2019 al 20 settembre 2021
    • piazze
  • Il nuovo Ipermercato Emisfero apre a Vicenza

    • 3 dicembre 2020
  • Un tetto di ombrelli tricolore in corso Fogazzaro e tanti eventi ogni fine settimana in Centro a Vicenza

    • Gratis
    • dal 12 luglio al 24 dicembre 2020
    • Centro storico
  • Fondazione Bisazza mostra: Fashion Photography 20 anni della fotografia di moda

    • Gratis
    • dal 19 settembre al 23 dicembre 2020
    • Fondazione Bisazza
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VicenzaToday è in caricamento