rotate-mobile
Cronaca Isola Vicentina

Volantini contro i no-vax, il sindaco: “State seminando odio”

I manifesti sono apparsi sulle bacheche comunali del Comune di Isola Vicentina. Il primo cittadino ha inoltrato denuncia ai carabinieri: "Chi compie questo atto, oltre a porsi fuori dalla società e fuori dalla legge, è ora obiettivo delle Forze di polizia"

“Non rischiare di mettere al mondo un no-vax, prenota una vasectomia” e ancora “Ogni bimbo è un incubatore di virus, vaccinalo prima che ti faccia morire” e poi “Sei un medico o un infermiere in prima linea contro il Covid? Nascondi i farmaci dei non vaccinati ricoverati e aiuta ad alleviare la pressione sugli ospedali liberando i letti più velocemente”. Sono questi i contenuti, tra il delirante e l’offensivo di alcuni volantini apparsi a Isola Vicentina, affissi prima di fronte alla scuola materna del paese e poi sulle bacheche comunali. I volantini riportano anche l’hashtag “#neusciremomigliori” e un logo-fake di un “Centro di cura malati meritevoli”. La vicenda ha fatto infuriare il sindaco del paese, Francesco Enrico Gonzo, il quale ha presentato una denuncia dai carabinieri dopo aver fatto rimuovere i manifesti.

L’affissione, che ha tutto il sapore di un’operazione goliardica di cattivo gusto, ha avuto dei precedenti. Come spiega lo stesso cittadino con un post su Facebook, nelle ultime due settimane sta succedendo che qualcuno, più di quanto accadesse prima con annunci economici improbabili e offerte di lavoro nero da creare imbarazzo, si stia divertendo a mettere sulle bacheche, e non solo lì, con tanto di nastro adesivo e coprendo le locandine regolarmente affisse, manifestini dalla provenienza ignota ma con un chiaro intento provocatorio, persecutorio, offensivo, denigratorio, vergognoso, irrispettoso e oltraggioso della comune sensibilità”.

“L’esaurito o l’esaurita o gli esauriti che stanno compiendo questi gesti non stanno facendo un bene né per sé né per la Comunità nella quale vivono, seminando disappunto, fastidio, odio e altri sentimenti negativi che non giovano proprio a nessuno, e di cui non abbiamo assolutamente bisogno”, continua il Gonzo, aggiungendo “Chi compie questo atto, oltre a porsi fuori dalla società e fuori dalla legge, è ora obiettivo delle Forze di polizia alle quali è stato chiesto di indagare su queste affissioni mai autorizzate, di origine sconosciuta e passibile di una sanzione che va dai 100 ai 300 euro, come da regolamento”. Infine l’invito a ai cittadini di parlare se sanno qualcosa circa gli autori, i quali sono altresì invitati a costituirsi e chiedere scusa: “Forse hai bisogno di aiuto”, conclude il sindaco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volantini contro i no-vax, il sindaco: “State seminando odio”

VicenzaToday è in caricamento