Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Van Gogh, dopo un mese di apertura già 70 mila visitatori, 180 mila prenotazioni

Particolarmente significativo anche il dato relativo alle prenotazioni delle scuole: sono già stati venduti oltre 50 mila biglietti, di cui la metà a studenti della provincia di Vicenza

Nel primo mese di apertura 70 mila visitatori, pari a una media giornaliera di 2200 ingressi, 180 mila prenotazioni di cui 45 mila evase, 50 mila biglietti già venduti alle scuole. Questi alcuni dei numeri registrati ad oggi dalla mostra “Van Gogh. Tra il grano e il cielo”, allestita da Linea d'ombra in Basilica palladiana fino all'8 aprile in collaborazione con il Comune di Vicenza.

“Le prime settimane di un'esposizione che dura ben sei mesi – ha detto Marco Goldin – sono in realtà molto delicate, perché anche chi ha già deciso di visitare la mostra di solito se la prende con calma, avendo parecchio tempo per organizzarsi. Con questa mostra invece abbiamo assistito fin da subito ad un fortissimo entusiasmo, che ci ha portati all'incredibile media di 2200 ingressi giornalieri. Si tratta di un dato eccezionale, che già supera quello registrato dai Notturni (media giornaliera finale di 1900 visitatori) e quello di Verso Monet (2150 visitatori), collocandosi dietro a Raffaello verso Picasso (2556 visitatori), evento in qualche modo storico con il quale il territorio si riappropriò del suo monumento simbolo”.

Particolarmente significativo, tra gli altri, anche il dato relativo alle prenotazioni delle scuole: sono già stati venduti oltre 50 mila biglietti, di cui la metà a studenti della provincia di Vicenza. Il vicesindaco Jacopo Bulgarini d'Elci ha inoltre reso note le prime ricadute positive sul sistema museale cittadino, accessibile con un biglietto speciale ai visitatori della mostra su Van Gogh: “A ottobre i visitatori sono aumentati del 52% rispetto a settembre e del 23% rispetto ad ottobre dello scorso anno, pur in presenza della riapertura del Chiericati restaurato. Senza contare che la maggior parte dei visitatori delle ultime settimane proviene dalla Lombardia e dall'Emilia Romagna, prima che dal Veneto. E' insomma già chiaramente evidente l'effetto mostra che abbiamo fortemente cercato”.

I dettagli

Ritornando ai dati della mostra “Van Gogh. Tra il grano e il cielo”, nel primo mese di apertura il 65% dei 70 mila visitatori risulta “privato”, il 13% appartiene alle “scuole”, il 22% fa parte di “gruppi”. Le prenotazioni provengono complessivamente da 105 province d'Italia. Ai primi posti si collocano Vicenza (30%), Padova (8%), Treviso (6%), Milano (4%), Venezia (3,5%) e, con percentuali dal 3% in giù, Verona, Bologna, Udine, Modena e Trento. Quanto alle sole prenotazioni dei privati, le province più rappresentate sono in ordine decrescente Vicenza, Padova, Milano, Treviso e Venezia. Le scuole provengono dopo Vicenza, principalmente da Padova e Treviso, mentre i gruppi arrivano, nell'ordine, da Vicenza, Padova, Milano, Treviso e Bologna.

A proposito delle prenotazioni dei gruppi e delle scuole, per queste due tipologie dall'Epifania fino alla chiusura della mostra non c'è praticamente più posto, fatta eccezione per i giorni attorno a Pasqua. Interessanti indicatori della qualità della visita sono i noleggi delle audioguide e gli acquisti degli strumenti di approfondimento al bookshop: nel primo mese di mostra i privati hanno noleggiato 15 mila audioguide (media di 500 al giorno), corrispondenti al 40% di “presa”: ciò significa che quasi un visitatore privato su due (le scuole e i gruppi entrano sempre con una guida) ha scelto di fare una visita informata (92% lingua italiana; 1% lingua inglese; 7% per bambini).

Il bookshop, inoltre, accanto ai tradizionali gadget, ha già venduto 2500 cataloghi, 1000 libri sulle lettere dell'artista, 500 estratti dal catalogo e 1000 dvd del film proposto nella sala cinema della mostra. A titolo di curiosità, i giorni con il maggior numero di visitatori sono stati ad oggi domenica 22 ottobre (3721 visitatori), domenica 29 ottobre (3667 visitatori) e sabato 4 novembre (3602 visitatori).

Per la prima volta nella storia di Linea d'ombra, infine, il 60% dei visitatori ha scelto di prenotare in anticipo il biglietto piuttosto che acquistarlo alla cassa (di solito i due acquisti si equivalgono), segno di una forte percezione del rischio code che si accompagna a un evento di grande successo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Van Gogh, dopo un mese di apertura già 70 mila visitatori, 180 mila prenotazioni

VicenzaToday è in caricamento