Portò il neonato dai carabinieri per salvarlo dal padre spacciatore e si uccise

E' arrivata la condanna per Nabil Kouirhi, il 39enne marocchino, accusato dalla ex convivente di essere uno spacciatore e di voler usare il loro figlio come "copertura"

La droga sequestrata all'arrestato

I militari della Stazione di Schio hanno arrestato Nabil Kouirhi, 39enne marocchino, pregiudicato, destinatario del provvedimento di ordine di carcerazione che dispone l’espiazione di una pena detentiva di 2 anni e 7 mesi.

L'indagine

La condanna scaturisce dall’arresto in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di 450 grammi di hashish e per la ricettazione di un televisore rubato al Hotel Eden di Schio, operato dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile il 16 agosto 2015 a Schio a seguito di un servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, e dalle successive attività investigative.

L’indagine che vedeva coinvolto il Kouirhi prese spunto da una segnalazione fatta dalla sua convivente all’epoca dei fatti, in quanto intimorita dalle attività illecite dell'uomo. Proprio la continua reiterazione delle suddette attività spinse la donna tossicodipendente, il 16 agosto 2015, a recarsi presso gli uffici di questa Compagnia per consegnare spontaneamente ai servizi sociali, con l’aiuto dei Carabinieri, il proprio neonato in quanto riteneva di non essere più in grado di accudirlo. Poco tempo dopo, la povera donna si tolse la vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il neonato come copertura

A seguito del triste evento, venne svolta una perquisizione domiciliare durante la quale i militari rinvennero la succitata sostanza stupefacente ed il televisore oggetto di furto. Le indagini svolte dai Carabinieri all’epoca furono in grado di dimostrare che la donna temeva che il compagno volesse sfruttare il bambino per trasportare droga nell’autovettura, sfruttando la presenza del neonato a bordo per dissuadere leforze dell'ordine dal porre in campo controlli più approfonditi, e che il Kouirhi era effettivamente dedito all’attività illecita di spaccio di sostanza stupefacente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento