rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Cronaca

Aggrediti tre clienti della discoteca, uno è grave in ospedale: chiuso il "Custom" per la seconda volta

Il provvedimento del questore avrà una durata di 15 giorni

Il questore della provincia di Vicenza Paolo Sartori ha disposto la sospensione della Licenza e la contestuale, immediata chiusura della discoteca “Custom”, che si trova in città, in via Zamenhof. È la seconda volta che vengono apposti i sigilli al locale. Il provvedimento, che avrà una durata di 15 giorni, è conseguente alle gravi problematiche per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini che si sono venute a creare negli ultimi tempi, culminate, nello scorso fine settimana, più precisamente alle 4:30 del mattino dello scorso 21 maggio, con una aggressione ai danni di 3 cittadini afgani che ha visto coinvolte decine di individui, avvenuta in prossimità del locale in maniera talmente violenta che ha reso necessario l’intervento congiunto delle pattuglie dell’Arma dei carabinieri e della squadra “volanti” della questura.

Secondo il verbale della polizia, i tre giovani afgani erano stati violentemente aggrediti nei pressi dell’ingresso della discoteca. Le vittime avrebbero indicato quali autori dell’aggressione, gli addetti alla sicurezza del pubblico esercizio, riconosciuti dalle magliette recanti sul dorso il logo del locale. La motivazione della violenta spedizione punitiva sarebbe stata quella di cercare di entrare in possesso di un cellulare con il quale i tre afgani avevano filmato una accesa discussione sorta poco prima presso le casse del locale.

A seguito della violenta rissa un cittadino afgano di anni 25 è stato ricoverato d’urgenza al San Bortolo con una prognosi di guarigione di 45 giorni per “frattura articolare olecrano destra e trauma cranico commotivo a seguito di percosse”, mentre un suo connazionale di 24 anni è rimasto ferito nella circostanza, visitato dal personale del pronto soccorso cittadino e dimesso con prognosi di guarigione di tre giorni per “trauma cranico contusivo”. Il terzo cittadino afgano vittima dell’aggressione non ha riportato ferite.

Il Custom era già stata oggetto, lo scorso 16 agosto, di un primo provvedimento di chiusura emessa dal questore per motivi analoghi, al quale erano susseguiti altri episodi di violenza, i più gravi dei quali hanno richiesto dell’intervento delle forze di polizia gli scorsi 18 settembre e la notte di Capodanno. “La violenta aggressione è stata di una gravità inaccettabile, e ancora una volta ha costretto le forze di polizia a intervenire tempestivamente per far fronte alla situazione di pericolo che si era venuta a creare, distogliendole per lungo tempo dai servizi di prevenzione e di pubblico soccorso allo scopo di evitare che si potesse compiere una tragedia – ha evidenziato il questore Sartori –. la sospensione della licenza e la contestuale chiusura di questa discoteca, per la seconda volta in meno di un anno, pertanto, hanno lo scopo di porre argine a una problematica, come si è visto, già emersa nel recente passato, che ha creato non poche criticità sotto il profilo dell’ordine pubblico e della sicurezza dei cittadini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggrediti tre clienti della discoteca, uno è grave in ospedale: chiuso il "Custom" per la seconda volta

VicenzaToday è in caricamento