Pfas, il voto del Parlamento Europeo sul limite "0": è un "NO"

Una delegazione di Mamme no Pfas è presente a Strasburgo per chiedere "un atto di coraggio". Il voto alle 14

Le Mamme no Pfas a Strasburgo

Giornata campale per il futuro ambientale del nostro territorio. Oggi alle 14 il Parlamento Europeo voterà sull'aggiornamento della Direttiva sull'acqua potabile, tra cui l'emendamento depositato dall'euro parlamentare della Lega Mara Bizzotto che chiede "pfas zero". 

Qui gli aggiornamenti

L’Europa delle lobby, con la complicità dei gruppi politici afferenti ai Popolari e ai Socialisti (Forza Italia e PD), ha votato NO al nostro emendamento PFAS zero per la tutela dell’acqua e della salute pubblica. Una grande occasione persa per colpa di quei partiti che in Veneto dicono una cosa e al Parlamento Europeo fanno esattamente il contrario. E, cosa ancora più grave, il Parlamento ha addirittura approvato un emendamento del PPE peggiorativo con limiti di Pfas più alti rispetto al testo votato in Commissione Ambiente a settembre. Ad ogni modo la nostra battaglia continua perché il nostro Governo, che non è schiavo dell’Europa come quelli del PD, farà la guerra su questa Direttiva in sede di trilogo con Commissione UE, Parlamento e Consiglio. E, fortunatamente, ogni Paese avrà comunque la possibilità di fissare limiti Pfas più bassi rispetto a quelli contenuti nella nuova Direttiva UE Acque Potabili”.

Lo dichiara Mara Bizzotto, capogruppo della Lega al Parlamento Europeo, autrice dell’emendamento ‘Pfas zero’ alla revisione della Direttiva 98/83/CE sulla “Qualità delle acque destinate al consumo umano”.

“Noi della Lega siamo stati gli unici a presentare emendamenti PFAS zero sia in Commissione sia in aula a Strasburgo – spiega l’europarlamentare Bizzotto – Proprio perché noi guardiamo al bene del territorio e non ai colori politici, abbiamo sostenuto anche gli emendamenti degli altri gruppi che miravano ad abbassare il più possibile le soglie Pfas. Quello che è letteralmente scandaloso è che gran parte degli eurodeputati italiani, in testa FI e PD, hanno votato contro i nostri emendamenti Pfas zero, gettando la maschera sulla loro sconcertante doppiezza: in Regione Veneto fingono di essere per i Pfas zero e a Strasburgo votano il contrario. Fortunatamente i cittadini non sono stupidi e si ricorderanno di questi soggetti”. 

Le mamme NO Pfas a Strasburgo

Nelle scorse ore, la delegazione di genitori dei gruppi Mamme NoPfas, accompagnati dalla dottoressa Elisa Dalla Benetta, medico di base di Zimella, hanno tenuto una conferenza con il gruppo GUE-NGL che sono chiamati a votare la rifusione della Direttiva Europea sull'acqua destinata al consumo umano . In sala erano presenti più di 70 persone, tra parlamentari e giornalisti di diversi paesi europei, che hanno seguito la conferenza con traduzione simultanea. L'intervento della Dalla Benetta, è stato molto completo e incisivo ed è stato seguito con la massima attenzione. Ha potuto parlare di conseguenze concrete sulla salute, dovute all'azione dei pfas come interferenti endocrini, grazie all'esperienza diretta con i suoi pazienti.

A seguire la Mamma NoPfas Michela Piccoli, che con un intervento breve ma molto intenso, ha scosso la sala , consegnando ad uno ad uno ai presenti visibilmente commossi , le gocce di legno dipinte dai nostri bambini. Un momento particolarmente emozionante per le Mamme NoPfas è stato l'intervento di Eleonora Forenza che le ha poi applaudite contro le regole, per la forza e l'impegno nella battaglia che le ha condotte fino a Strasburgo .

E' stato chiesto agli Europarlamentari presenti un atto di coraggio nell'esprimere il voto , per tutelare prima di tutto la salute dei nostri figli , invitando i parlamentari a mettersi nei panni dei bambini e di votare come voterebbero loro. Chiediamo limiti Pfas ZERO unico valore valido per dire Sì alla vita. La battaglia è dura ma non ci fermeremo 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

Torna su
VicenzaToday è in caricamento