rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Creazzo

Masterchef, il piccione di Carlo Cracco denunciato degli animalisti

La preparazione dello chef di un piatto a base dell'uccello considerato "fauna selvatica", quindi protetto, durante una puntata di Masterchef ha scatenato le ire degli animalisti dell'Aidaa, che hanno sporto denuncia penale

Carlo Cracco di nuovo nei guai con gli animalisti. La sua preparazione di un piatto a base di piccione, considerato "fauna selvatica", quindi protetto, durante una puntata di Masterchef ha scatenato le ire degli animalisti dell'Aidaa, che hanno sporto denuncia penale. "

"Nessuno discute che Carlo Cracco sia un grande chef - sottolinea il presidente di Aidaa Lorenzo Croce - ma il fatto che vada in tv a presentare un piatto a base di carne di piccione che è un animale protetto dalla legge nazionale ed europea rappresenta un reato penalmente rilevante, che non potevamo far finta di non vedere. Per questo motivo proprio oggi ho firmato e inviato la denuncia contro il signor Carlo Cracco alla procura di Milano per violazione della legge nazione di tutela della fauna selvatica e della direttiva europea 147/2009". Il piccione è stato cucinato durante la puntata del 14 gennaio: Cracco ha preparato un piatto gourmet come dimostrazione per i concorrenti, in una puntata seguitissima, come del resto tutta la serie. Tanto basta agli animalisti per denunciarlo non solo per la violazione della normativa europea ma anche "per istigazione a delinquere avendo lo stesso con la diffusione di tale filmato criminoso istigato altri cittadini a compiere tali crimini in violazione delle normative europee e nazionali a tutela della fauna selvatica".


Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto, commenta così la notizia della denuncia dello chef annunciata da una associazione animalista 'Aidaa'. Ciambetti ricorda che la normativa impedisce l'abbattimento del Piccione selvatico "ma un conto sono i piccioni selvatici, un altro quelli di allevamento: i primi non si possono cacciare né servire a tavola, i secondi, invece, si acquistano da allevatori specializzati e sono il piatto forte di molte trattorie e ristoranti un po' in tutta Italia". Ciambetti rileva che se Cracco ha cucinato "come penso, un piccione di allevamento non vedo perché denunciarlo. Più di quello che cucina Cracco, che penso possa dare lezione a noi tutti su ciò che è permesso e quanto è proibito in cucina, su Haccp e selvaggina mi preoccuperei piuttosto, e seriamente, di quello che si cucina in molti ristoranti etnici e in certi take away".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Masterchef, il piccione di Carlo Cracco denunciato degli animalisti

VicenzaToday è in caricamento