rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Montecchio Maggiore

La tradizione: vecia al rogo in tutto il Vicentino, tra lamentele e speranze

Sono stati migliaia i vicentini che, nelle piazze o nei campi, hanno celebrato lo storico rito: ressa a Montecchio, Recoaro, Breganze e Cornedo, con lo sfondo dei falò sulle colline, ma anche riflessioni sulla tutela ambientale

"Vecia", "stria", "Befana": ognuno la chiama come preferisce ma in pochi, il 6 gennaio, hanno rinunciato al rito del rogo, nelle piazze o nei campi. Come vuole l'antica tradizione, il fantoccio dalle sembianze stregonesche simboleggia l'anno appena trascorso che viene bruciato assieme a tutte le cose negative avvenute. Una catarsi collettiva che vuole essere di buon auspicio per i mesi a venire. 

Migliaia di persone hanno affollato le piazze di Montecchio, Recoaro, Cornedo e in molti altri comuni per assistere al "processo" che si chiude con l'affascinante maxi falò, ma sono moltissimi anche i vicentini che scelgono di celebrare la festa in privato, nei propri campi.


Di tenore diverso "L'Epifania della Terra", che si è svolta a Breganze, organizzata dal Coordinamento Veneto Pedemontana Alternativa, dal Coordinamento Tutela Territorio Breganze e da L'ABC laboratorio civico. Nel corso della celebrazione eucaristica, Don Albino Bizzotto, dei Beati costruttori di Pace, ha usato parole pesanti contro la Pedemontana veneta: "Quale dramma è stato aperto in questa parte del Veneto! Sono sicuro che questa strada non la finiranno, perché essa è un’ingiuria”. Quanto al modello di sviluppo, don Bizzotto si è augurato che si realizzi “un modello di lavoro diffuso, non ad alto reddito, ma nel quale ci sia lavoro per tutti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La tradizione: vecia al rogo in tutto il Vicentino, tra lamentele e speranze

VicenzaToday è in caricamento