rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Cronaca

Donne vittime di rapina, fermati e denunciati due pregiudicati stranieri

I fatti sono avvenuti a poche ore di distanza. Prima il lancio di una bottiglietta piena d'acqua addosso ad una donna poi un'aggresione di spalle con il furto della borsetta

Nella serata di giovedì gli agenti della Squadra “Volanti” hanno fermato A. T., un 55enne cittadino marocchino con a proprio carico numerosi precedenti penali e/o di polizia per reati di varia natura e gravità, in particolare contro la persona e contro il patrimonio, regolare in Italia nonché percettore di pensione di invalidità. Il 55enne è accusato di aver aggredito, senza motivo, una donna con una bottiglia in plastica piena d’acqua.

Portato in Questura, dopo essere stato denunciato alla autorità giudiziaria per l’aggressione nei suoi confronti il questore della Provincia di Vicenza Paolo Sartori ha disposto la revoca del permesso di Soggiorno con il contestuale Ordine di Allontanamento dal Territorio Nazionale.

Nella serata di mercoledì, invece, alle 22 circa, una pattuglia della Squadra “Volanti” è intervenuta in via Rodolfi, nei pressi dell’ospedale San Bortolo, dove una donna aveva richiesto aiuto dicendo di aver subito una rapina, aggredita alle spalle, gettata a terra e derubata della borsetta.

Immediatamente sono scattate le ricerche che in breve tempo, anche grazie alla dettagliata descrizione fornita dalla vittima, hanno consentito agli agenti di Polizia di rintracciare poco distante l’aggressore ed a recuperare la borsetta rapinata. Dopo essere stato fermato e identificato, è risultato essere un 39enne cittadino nigeriano regolarmente presente in Italia ma senza fissa dimora, con precedenti penali e/o di polizia per vari reati, tra i quali rapina.

Alla luce di quanto dichiarato dalla vittima e riscontrato dagli agenti, il cittadino nigeriano è stato accompagnato in Questura, dove è stato denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria per i reati di rapina e lesioni personali, nonché per il possesso di una Carta bancomat provento di furto. La vittima ha riportato ferite giudicate guaribili in 7 giorni.

Il questore ha inoltre disposto il Foglio di Via Obbligatorio dal Comune di Vicenza, con Divieto di farvi ritorno per i prossimi 3 anni, nonché l’attivazione delle procedure presso la competente Commissione territoriale ai fini della Revoca dello status di rifugiato politico.

“Queste vicende denotano la particolare gravità di quanto accaduto – ha evidenziato il Questore Sartori –. In entrambi i casi, ancora una volta la pronta reazione delle vittime e l’immediata richiesta di aiuto sono state determinanti per consentire alla Polizia di fermare gli aggressori ed assicurarli alla Giustizia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne vittime di rapina, fermati e denunciati due pregiudicati stranieri

VicenzaToday è in caricamento