Mille euro per ottenere il permesso di soggiorno con falsa assunzione: nei guai una coop

Scoperti dalla guardia di finanza 160 rapporti di lavoro fittizi per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno a extracomunitari

Sono 162 le posizioni di lavoro risultate irregolari da un'indagine delle guardia di finanza di Vicenza su illeciti legati al fenomeno dell’immigrazione clandestina. Le indagini, condotte dalle Fiamme Gialle della tenenza di Schio nell’ambito dell’operazione “Compromesso di soggiorno”, erano state avviate nel corso del 2019 contestualmente all’apertura di un controllo fiscale nei confronti di una cooperativa con sede a Marano Vicentino, solo formalmente attiva nel settore delle pulizie e risultata evasore totale per tutte le annualità di imposta fin dalla sua costituzione lo scorso anno.

La cooperativa aveva presentato i Modelli 770 (relativi al personale), attestando l’esistenza di centinaia di rapporti di lavoro, in relazione ai quali, però, non aveva mai versato all’I.N.P.S. i relativi contributi, maturando, in tal modo, un rilevante debito contributivo (nel frattempo iscritto a ruolo) ammontante a circa 600.000 euro. La Società Cooperativa a seguito delle indagini esperite era risultata, di fatto inesistente ed inconsistente; la sede legale ed operativa, tra l’altro, risultava attestata presso un indirizzo coincidente con un edificio in costruzione.

Le indagini, durate oltre un anno, hanno dunque permesso di appurare come la società cooperativa fosse gestita - di fatto - da due fratelli di nazionalità marocchina, J.A., classe 1967 e J.K., classe 1977 (nonostante la titolarità formale della stessa fosse posta in capo ad un terzo fratello, del tutto estraneo alle vicende societarie), in assenza dei canoni di mutualità e degli obblighi tributari previsti dalla normativa di riferimento.

Le testimonianze di decine di soggetti inquadrati nella società cooperativa (tutti extra-comunitari, principalmente connazionali dei titolari ma anche provenienti dall’Algeria, dalla Tunisia, dal Ghana, dall’India e dal Bangladesh) e l’incrocio dei dati acquisiti con i fascicoli in essere presso la Questura, l’I.N.P.S. e l’I.Na.I.L. di Vicenza, hanno permesso di appurare l'illecito. I due fratelli di origine marocchina chiedevano infatti denaro per rilasciare buste paga e contratti riferiti a rapporti di lavoro in realtà esisteti solo sulla carta.

Nel corso delle indagini è stato appurato che l’avvio del rapporto di lavoro fittizio era sempre fissato poche settimane, o addirittura pochi giorni, prima della scadenza del permesso di soggiorno, in materia tale da consegnare la documentazione lavoristica giusto in tempo per il rilascio o il rinnovo del documento. Allo stesso modo, nel corso degli approfondimenti investigativi, è emerso che nessuno dei lavoratori avesse la benché minima conoscenza del nome della cooperativa, della figura del rappresentante legale della stessa, dell’ubicazione della sede legale ed operativa, né, paradossalmente, del suo stesso status di socio lavoratore. Tutti i lavoratori interrogati hanno ammesso di aver contattato - mediante passaparola tra connazionali - i due fratelli marocchini organizzatori del meccanismo fraudolento con l’obiettivo di ottenere la documentazione lavoristica necessaria per ottenere e/o rinnovare il proprio permesso di soggiorno.

Le indagini condotte hanno permesso di disvelare un vero e proprio “tariffario” relativo al rilascio di buste paga e contratti di lavoro fittizi (500/800 € per ogni falsa assunzione/falso contratto di lavoro e 100/150 € per ogni busta paga consegnata [prezzi variabili in ragione delle immediate disponibilità della parte richiedente e/o dell’urgenza della richiesta]).

In un solo caso, è risultata Interessata dal rapporto di lavoro fittizio una cittadina italiana coniugata con un cittadino marocchino. In questa circostanza le indagini hanno permesso di appurare che la falsità del rapporto di lavoro serviva solo a palesare il possesso di una capacità reddituale dei coniugi tale da giustificare l’ingresso sul territorio italiano dei suoceri provenienti dal Marocco allo scopo di ricongiungimento familiare con il figlio (coniugato con la cittadina italiana fittiziamente assunta dalla cooperativa).

Anche i due gestori di fatto della cooperativa avevano usufruito di tale meccanismo illecito per inquadrare se stessi quali lavoratori fittizi della Società Cooperativa formalmente intestata all’ignaro fratello.  I due fratelli di nazionalità marocchina sono oggi indagati dalla procura di Vicenza per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per falsità ideologica per induzione in errore del pubblico ufficiale rilasciante il permesso di soggiorno,  mentre le posizioni dei 160 lavoratori fittizi sono state segnalate per il reato di immigrazione clandestina e per falsità ideologica in concorso con i primi due.

La cooperativa quale mero contenitore di debiti erariali è stata inoltre segnalata all’Agenzia delle Entrate per la cessazione d’ufficio della pertinente partita I.V.A.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

Torna su
VicenzaToday è in caricamento