Attualità

Coronavirus, il punto di Luca Zaia: «Restiamo in zona bianca»

Il punto del presidente della Regione sull'infezione da Covid 19 in Veneto con i dati aggiornati su casi, ricoveri e vaccinazioni: «Se c'è l'ok per la terza dose dobbiamo saperlo il prima possibile»

Nell'appuntamento di venerdì sull'emergenza Covid il presidente della Regione ha fatto il punto della situazione in Veneto, a cominciare dal bollettino quotidiano. Il report relativo ai dati delle ultime 24 ore indicano altri 637 nuovi contagi, "scovati" su 41.430 tamponi per un'incidenza dell'1,53%. Sono invece 13.079 gli attualmente positivi e 279 (-7) i ricoverati. Di questi ultimi, 225 (-6) sono in area non critica e 54 (-1) in terapia intensiva. Sono stati invece 2 i decessi. 

IL BOLLETTINO DEL 3 SETTEMBRE

«Siamo ancora in zona bianca ma dobbiamo metterci di impegno con le precauzioni e cercare di accompagnare questo corso della infezione attraverso la vaccinazione», è stato il commento di Luca Zaia. Nel giorno in cui la cabina di regia nazionale deve decidere il cambio del colore, il Veneto si trova quindi ancora a rischio basso. Nel dettaglio, l'incidenza è di 92,9 contagi ogni 100mila abitanti, un Rt dello 0,90 e un tasso di ospedalizzazione del 5% in terapia intensiva e del 3% in area medica. 

«La vaccinazione è volontaria ma è innegabile che ha cambiato il corso del coronavirus, oggi abbiamo +dell'80% di ricoverati nelle terapie intensive e oltre il 60% area medica di non vaccinati», ha aggiunto Zaia, aggiornando la situazione sulle vaccinazioni in Veneto: Sono 22.532 le dosi inoculate nella giornata di giovedì, per un totale di 6.312.541 vaccinati. Il Veneto sta arrivando all'immunità di gregge, con il 78,9% di vaccinati e prenotati come media regionale. Per quanto riguarda le classi di età la situazione è la seguente: over 80, 99% di vaccinati, 70/79 anni 92%, 60/69 anni 88%, 50/59 anni 80%, 40/49 anni 72%, 30/39 anni 68%, 20/29 anni 74%, 12/19 anni 60%. Dal 13 agosto, in Veneto, si sono registrati 25.300 accessi alla vaccinazione tra i giovani. 

Zaia, infine, ha commentato sul dibattito terza dose: «Se è si per la terza dose bisogna saperlo il prima possibile, dobbiamo averlo come focus iniziando le case di riposo, sono 30mila ospiti in Veneto. Intanto sono aperte le agende vaccinali fino al 30 di settembre ed esorto tutti di farlo adesso perché se parte la terza dose tutti gli altri vanno in coda». 

In chiusura dell'appuntamento con la stampa Michele Mongillo, responsabile dell'unità di prevenzione e sanità pubblica del Veneto, ha fornito i dati delle previsioni per le prossime settimane: «Ad oggi, sulla base dei dati disponibili, la proiezioni in tre settimane è di arrivare all'11% in più cioè a 60 posti totali. Per quanto riguarda l'andamento dei casi, le proiezione dicono che sempre nelle prossime tre settimane avremo 1.800 nuovi positivi (+12,4%) per un totale di 14.700 attualmente positivi»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il punto di Luca Zaia: «Restiamo in zona bianca»

VicenzaToday è in caricamento