Attualità

Coronavirus, Veneto e quasi tutta Italia in giallo. Vaccini: boom prenotazioni 50enni

Un'Italia senza zone rosse e con tre Regioni in arancione da lunedì 10 maggio. Ecco gli aggiornamenti sull'emergenza coronavirus in Italia e in Veneto. Aperte vaccinazioni ai 50-59enni anche nel Vicentino: Azienda Zero spiega di aver ricevuto «100 mila prenotazioni in poche ore»

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi  venerdì 7 maggio 2021 registra 10.554 nuovi casi su 328mila tamponi. 207 i decessi registrati nelle ultime 24 ore. Prosegue il trend del calo di ricoveri in ospedale (-536). Nelle terapie intensive -55 ricoveri rispetto ai numeri di ieri. Viste le indicazioni della cabina di regia il ministro della Salute Roberto Speranza questa sera firmerà l'ordinanza cambia colori: da lunedì la Valle d’Aosta lascia la zona rossa e torna in zona arancione. Passeranno in zona gialla Puglia, Basilicata e Calabria. Sicilia e Sardegna restano in zona arancione. Tutte le altre regioni , compreso il Veneto, rimangono in giallo. Nessuna in zona rossa.

I contagi da Covid-19 in Italia si sono dimezzati in 6 settimane. "Si sta assestando ormai nelle ultime settimane il rallentamento della diffusione del virus - afferma il Americo Cicchetti, direttore dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi sanitari dell'Università Cattolica (ALTEMS) - come confermano le curve settimanali dell'incidenza. Se il trend di diffusione del virus continuerà a calare, mentre la nostra fiducia nelle vaccinazioni continuerà a crescere, così come le somministrazioni, saremo presto al giro di boa che ci permetterà di ritornare ad avere minor restrizioni nella nostra quotidianità".

La situazione in Veneto e l'ultimo bollettino

Il Veneto resterà in zona gialla a partire anche dalla prossima settimana. La conferma ufficiale arriva dai dati dell'ultimo monitoraggio che indicano per la nostra Regione la risalita dell'indice Rt a quota 0,95. Ad essere decisiva per la permanenza nell'area di rischio gialla anche da lunedì 10 maggio, è stata la valutazione complessiva di rischio che nel monitoraggio di oggi è sceso a livello "basso" rispetto al livello "moderato" indicato la scorsa settimana (perché il Veneto potesse rischiare di essere classificato in zona arancione avrebbe invece dovuto essere "alto"). Anche il dato dell'incidenza settimanale di positività ogni 100 mila abitanti è sceso nella Regione Veneto, attestandosi sui 97 casi. Confermato così il trend di calo nelle ultime settimane per quel che riguarda l'incidenza che, infatti, venerdì scorso era più alta attestandosi a quota 125 casi. 

BOLLETTINO ORE 17

Per quanto riguarda il bollettino delle ore 17 segna un ulteriore calo di ricoveri e contagi rispetto a questa mattina. Sono 211 i nuovi contagi nelle ultime ore ma gli attualemente positivi scendono a 19216 (alle ore 8 erano 11414). Purtroppo altri 4 decessi a causa del virus. Negli ospedali del Veneto la situazione aggiornata è di 1063 (-8) ricoveri in area non critica e 163 (+2) in terapia intensiva. 

Vaccini aperti ai 50enni, ed è subito boom

Tra i 50-59enni è stato un vero e proprio "boom" di prenotazioni in Veneto per la vaccinazione contro Covid-19 che si è aperta oggi. Lo riferisce in una nota Azienda Zero che parla di «100 mila in poche ore, con punte di 6 mila ogni 5 minuti». La nota di Azienda Zero prosegue spiegando che «il Sistema continua a ricevere le richieste con un trend che non sembra ancora scendere». La stessa comunicazione di Azienda Zero precisa che al momento «tutti i punti vaccino della Regione sono pronti per somministrare le dosi a questa categoria che a differenza delle classi 60-69 dove l’accesso era stato più lento, ha accolto rapidamente l’opportunità di vaccinarsi».

LINK PER LA PRENOTAZIONE

Anche l’ULSS 8 Berica ha aperto, dalle 16.00 di oggi pomeriggio, le agende per la prenotazione della vaccinazione anti-Covid per i cittadini tra i 50 e i 59 anni di età, con la prima sessione ad essi dedicata in programma già domani, sabato 8 maggio, in Fiera di Vicenza. Complessivamente sono oltre 23 mila i posti già creati in agenda per questa fascia di età, da qui al 9 giugno, e altri saranno aperti progressivamente in base alle ulteriori disponibilità di vaccini (Pfizer o Moderna, come da indicazioni delle autorità sanitarie nazionali per questa fascia di età). Va ricordato infatti che sono oltre 81.000 le persone di questa coorte di età residenti nel territorio dell’ULSS 8 Berica. 

Al fine di semplificare al massimo l’accesso alla vaccinazione, tutti i nati tra il 1962 e il 1971 possono prenotarsi online sul portale regionale per essere vaccinati in uno dei 5 punti di vaccinazione attivi in tutto il territorio. Inoltre, per questa fascia di età sono state create numerose sedute serali, con l’obiettivo di facilitare ulteriormente l’adesione in considerazione del fatto che si tratta di una popolazione in età lavorativa.

I Medici di Medicina Generale - una volta contattati tutti gli assistiti delle coorti di età più anziane - contribuiranno attivamente alla vaccinazione anche di questa fascia di età, chiamando progressivamente (in ordine di età partendo dai più anziani) tutti i propri assistiti nati tra il 1962 e il 1971 che non risultano ancora né vaccinati né prenotati.  In questo modo, il cittadino potrà scegliere tra due diversi canali di accesso alla vaccinazione e i Medici di Medicina Generale svolgeranno anche un importante ruolo attivo nel promuovere la vaccinazione presso i propri assistiti, intercettando anche gli eventuali indecisi e chiarendo i loro dubbi. 

Come preannunciato, dalle 16.00 di oggi anche l’ULSS 7 Pedemontana ha aperto la prenotazione del vaccino anti-Covid per i cittadini tra i 50 e i 59 anni, che nel territorio di riferimento sono 61.817. In questa prima fase sono 5.000 le sedute già rese disponibili, ma altre saranno aperte progressivamente già nei prossimi giorni. Almeno in questa prima fase, i cittadini di questa fascia di età saranno vaccinati direttamente dagli operatori dell’ULSS 7 Pedemontana, dunque presso i punti di vaccinazione di Bassano (Pala Angarano), Schio (ex Lanificio Conte) e Roana.

Le prime sessioni sono in programma già lunedì 10 maggio sia a Bassano che a Schio, mentre per i residenti nell’Altopiano la prima seduta è in programma per mercoledì 12 maggio. Nel frattempo la Direzione dell’ULSS 7 Pedemontana rinnova l’invito anche gli over 70 (per i quali è previsto l’accesso senza prenotazione da oggi fino a domenica, con le modalità già illustrate) e le altre categorie aventi diritto (60-69 anni, utenti fragili e disabili).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Veneto e quasi tutta Italia in giallo. Vaccini: boom prenotazioni 50enni

VicenzaToday è in caricamento