Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità

Covid, numeri in calo progressivo. Zaia:"Il coprifuoco rischia di diventare una coercizione"

Il governatore del Veneto dà lettura degli ultimi dati relativi al contagio. Dati che mostrano una costante riduzione di positivi e ricoveri. C'è molta attesa sulla cabina del governo sul prolungamento dell'orario di circolazione sul territorio nazionale

Alle 8 di lunedì 17 maggio si contano altri 173 positivi sui 9.147 tamponi effettuati in Veneto, l'incidenza è dell'1,89%. Gli attualmente positivi sono 15.510  mentre i ricoverati scendono sotto quota milla. Ad oggi sono infatti 991 (-1): 871 in area non critica e 120 in Terapia intensiva. Due i decessi.

BOLLETTINO VENETO 17 MAGGIO ORE 8

Sono questi i dati illustrati dal governatore nel consueto punto stampa: "Il dato positivo - spiega il presidente - scompare la categoria vaccinata dai ricoveri".

Tra vaccinati e prenotati: Gli over 80 hanno raggiunto il 97,4%, 70-79 all'83, 7%, 60-69 al 78%, 50-59 al 65%, 40-49 al 41%. "Ci sono 2mila posti liberi in queste 24 ore, domani vi faccio una sorpresa dal 9 al 16 giugno avremo 80mila posti nuovi, se non vedo posti occupati, apriamo agli altri".

É in fase di redazione dalla Regione una circolare che vuole agevolare la somministrazione della seconda dose del vaccino in relazione ad impegni (vacanze etc) del soggetto che si deve vaccinare: "L'ultima settimana del richiamo potrà essere anticipata".

Il presidente si è espresso anche sul coprifuoco: "C'è attesa per la cabina di regia del governo in programma oggi. Sul tavolo che l'ipotesi di coprifuoco alle 24. Io dico che il coprifuoco rischia di diventare una coercizione. C'è più rischio assembramento in orario diurno".

E sul vaccino per i turisti, il Veneto vuole essere apripista: "Oggi c'è un incontro del Cts al quale parteciperà per noi la dottoressa Russo - spiega Zaia - le abbiamo dato mandato di dire che noi siamo disponibili a vaccinare i turisti italiani in vacanza in Veneto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, numeri in calo progressivo. Zaia:"Il coprifuoco rischia di diventare una coercizione"

VicenzaToday è in caricamento