rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Attualità

Alpini, l'adunata nazionale 2024 si farà a Vicenza

Le penne nere tornano in città dopo 31 anni. Il capoluogo berico l'ha spuntata su Biella, Modena e Viareggio

Alla fine la città del Palladio sarà la città degli alpini. Sarà infata Vicenza ad ospitare la 95ª Adunata nazionale a maggio 2024. La città è stata la più votata dal consiglio direttivo nazionale ANA, riunitosi oggi, 10 dicembre, nella sede nazionale di Milano. Il capoluogo berico era in lizza con Modena, Viareggio e Biella ed è proprio con la città laniera che i veneti se la sono giocata, con un ballottaggio di 13 voti contro 10 che hanno decretato che le penne nere sfileranno a Vicenza. 

La candidatura di Vicenza era stata presentata a Palazzo Trissino lo scorso ottobre: un corposo dossier focalizzato su più punti. Oltre alle manifestazioni di sostegno delle autorità comunali, provinciali e regionali, la relazione contiene dati tecnici relativi all’accessibilità dei collegamenti, dalla viabilità cittadina fino ai trasporti tramite ferrovie e aeroporti, alla disponibilità di parcheggi e posti per la sosta di auto e mezzi vari, alla gestione della logistica e all’aspetto ricettivo per la messa a disposizione di camere e posti letto nelle strutture alberghiere. Comune e Provincia hanno definito gli impianti sportivi e le palestre in grado di consentire un’accoglienza diffusa.

L’amministrazione ha inoltre proposto l’area verde, di circa 600 mila metri quadrati, del Parco della Pace come accampamento principale delle penne nere. Si prevede anche l’utilizzo degli hangar, la presenza di un’area camper e collegamenti con il centro storico. Per l'adunata nazionale del 2024 il Comune aveva già preventivamente messo a bilancio un impegno economico e in servizi pari a 600 mila euro.

Le penne nere tornano a Vicenza dopo 31 anni. Nel 1991 si tenne infatti la 64esima adunata proprio nella città del Palladio.



e.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alpini, l'adunata nazionale 2024 si farà a Vicenza

VicenzaToday è in caricamento