rotate-mobile
Giovedì, 6 Ottobre 2022
social

Il migliore pane del vicentino si trova ad Arzignano

Il pane è un prodotto da tutelare, nella scelta delle materie prime, dalle farine al lievito: secondo il Gambero Rosso premia una attività della provincia

Nella Guida Pane e Panettieri d’Italia del Gambero Rosso, la bibbia per chi cerca il pane di qualità, il massimo riconoscimento nel vicentino va allo ad un unico forno, lo storico Olivieri 1882 di Arzignano che è stato premiato con i 3 pani, confermandosi tra le eccellenze italiane nel mondo del pane e dei lievitati.

La Guida Pani & Panettieri d’Italia 2023 del Gambero Rosso celebra 54 panifici con il premio Tre Pani, massimo riconoscimento per la qualità del prodotto. La nuova guida non assegna solo premi, ma racconta anche storie di artigiani virtuosi che hanno fatto della loro passione per il pane una professione in continuo aggiornamento. 

L’alimento pane torna dunque sulle tavole in grande stile e non solo per accompagnare i pasti nelle sue versioni più classiche, ma anche come vera e propria pietanza. Condito al cioccolato, arricchito da formaggi, verdure, salumi, negli abbinamenti più straordinari, spesso nati dall'unione tra cuochi, pasticceri e panificatori. Questa quarta edizione della guida, interamente dedicata all’arte della panificazione, racconta la ricerca, lo studio le sperimentazioni tecniche e agricole dei maestri della panificazione moderna. 

La Guida pone una particolare attenzione verso quegli artigiani sempre al passo con i tempi che esprimono il legame col territorio, valorizzano e rispettano la materia prima e sfornano prodotti di eccellenza. Si premia quel pane che racconta i grani con le loro mille sfumature, si premia la fatica di chi si sveglia molto presto, quando la città dorme ancora, e si mette all’opera per sfornare capolavori del gusto che accompagneranno alcuni dei momenti più belli della giornata, quelli in cui ci si siede a tavola in famiglia per condividere il pasto. 

Olivieri 1882

Tanta felicità, grande soddisfazione per questi 3 pani che confermano il buon lavoro della Olivieri. "È un onore aver ricevuto questo premio, che ci motiva a migliorare ancora - afferma Nicola capo pasticcere - Ho sempre avuto una grande passione per i lievitati, la mia ricerca per ottenere prodotti sempre più buoni è costante e queste gratificazioni, così come quelle dei clienti, ci ripagano dei nostri sforzi”.

Mentre il padre Oliviero dichiara “Per tutta la nostra famiglia questo ulteriore riconoscimento è motivo d’orgoglio, visto che l’attività che portiamo avanti da 137 anni è nata come panetteria e io stesso mi sono innamorato di questa professione nel forno dove mio padre produceva il pane. È il perfetto coronamento all’arte di famiglia.”

Il pane

Olivieri di Arzignano offre pane a lievitazione naturale (il forno è a vista) di grande pezzatura e magnifica presenza. L’integrale sprigiona tutti i suoi sapori e aromi al primo taglio, con una crosta dal colore ambrato dalla perfetta croccantezza. Il pane con i semi di zucca e farina semintegrale è goloso ed equilibrato: fragrante nella crosta, morbido e arioso nella mollica. La tradizione non manca: la ciopa è particolare, unica nel suo genere, con una crosta colorata e friabile. Da non perdere anche la selezione di pasticceria e i grandi lievitati, tra i migliori della Penisola.

La storia

Olivieri nasce nel 1882 ad Arzignano quando un antenato della famiglia, Luigi, apre il primo forno. Sarà poi Bianco Olivieri, papà di Oliviero, ad aprire prima una panetteria e poi a costruire un laboratorio più grande, dove dagli anni ’70 inizia a vendere per primo il Pan Biscotto e la biscotteria confezionata, mentre la moglie Miranda inizia a produrre i primi dolci da forno. A soli 18 anni, vista la prematura scomparsa del padre, Oliviero decide di prendere in mano il negozio e il laboratorio dove è cresciuto, aggiungendo pochi anni dopo anche la caffetteria. Siamo alla quinta generazione: Nicola e Andrea hanno creato un brand importante in Italia, che vende on line in tutto il mondo, i loro grandi lievitati (panettone e colomba) sono da anni ai vertici delle classifiche.

Olivieri 1882 – Arzignano (VI)

La celebrazione del pane

VENETO

Con 3 Pani in Veneto sono sei i premiati in totale. 

Verona:

«Saporè Pizza Bakery», in via Ponte 55 a San Martino Buon Albergo, uno dei locali di Renato Bosco, maestro della pizza oltre che dei pani croccanti e ben lievita

«Il Fornaio Fratelli Zenatti» a Sommacampagna, dal 1979 maestri panificatori con farine di grande qualità e lievito madre.

Padova:

Forno Zogno di via Palù 41 a Conselve che è un «panificio agricolo a ciclo chiuso» in cui cioè il pane si fa con il loro grano bio.

Forno Veneziano, in Piazza Vittorio Emanuele II a Piove di Sacco. 

«Olivieri 1882», in via Alberti 5 ad Arzignano (Vicenza), noto anche per i suoi lievitati oltre che per il suo pane, cominciando dal panettone che ormai prepara in ogni stagione. 

«Panificio Pasticceria Marinato» di Caomaggiore (Venezia), in via Roma 134, che fa pane alla maniera artigianale dal 1924.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il migliore pane del vicentino si trova ad Arzignano

VicenzaToday è in caricamento