Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Regionali 2015, incontro a Vicenza tra Tosi, Salvini e Zaia

Dopo la visita al benzinaio Graziano Stacchio, il leader della Lega, Matteo Salvini, incontrerà il governatore Luca Zaia e il sindaco di Verona Flavio Tosi. Oggetto: l'ipotesi di un terzo polo con il veronese candidato a Palazzo Balbi

Il sindaco di Verona e segretario veneto della Lega Nord, Flavio Tosi, si sta muovendo in vista delle prossime regionali del Veneto, considerando, secondo diverse indiscrezioni, una candidatura in prima persona contrapposta a quella del governatore Luca Zaia. La questione verrà chiarita lunedì, in un vertice a Vicenza, tra i due big veneti ed il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, nel vicentino per dare solidarietà al benzinaio di Nanto, Graziano Stacchio. Aggiornamenti nel corso della giornata. 

AGGIORNAMENTO ORE 18 Per ora resta un affare tra Luca Zaia e Flavio Tosi, il primo presidente del Veneto il secondo sindaco di Verona, la sfida per la composizione delle liste per le prossime elezioni regionali. L'incontro di lunedì a Vicenza, mediato dal segretario generale, Matteo Salvini, non sembra per ora aver risolto il braccio di ferro tra il governatore, che vorrebbe correre con una lista Lega-Lista Zaia, e Tosi, a cui farebbe gioco imporre il 'modello Verona' del candidato supportato da un buon numero di civiche. "Un accordo lo trovano - ha spiegato Salvini al termine del vertice vicentino - e' una discussione tra veneti e io non metto becco. Siccome c'e' un governatore che deve governare per cinque anni si ritroveranno ancora e spero si mettano d'accordo altrimenti, se non sara' cosi', li mettero' d'accordo io". Salvini, unico dei tre a parlare con i giornalisti mentre Zaia e Tosi si allontanavano, ha ribadito che "chiunque metta in difficolta' e in discussione Zaia aiuta la sinistra. Quindi l'ultima delle cose che dal segretario della Lega permettero' sara' facilitare qualcuno che mette i bastoni tra le ruote al miglior governatore d'Italia. La mia priorita' - ha aggiunto Salvini - e' quella di avere a giugno Luca Zaia che continua a governare". A chi gli chiedeva se questo incontro fosse stato praticamente inutile, Salvini ha obiettato che "parlarsi e' sempre positivo: se c'e' qualcuno che non era a questo incontro e che mira a rompere le palle lo fara' fuori dalla Lega. Siamo di fronte ad un'ipotesi di terza guerra mondiale quindi una lista civica in piu' o in meno e' l'ultima delle mie preoccupazioni".


Al Consiglio 'nazionale' del Carroccio a Padova ha prevalso la linea Tosi per la formazione delle liste, ovvero il cosiddetto modello Verona, con una lista della Lega piu' alcune civiche. Inoltre nella mattinata di domenica, Tosi ha partecipato anche a un incontro su "Riforme delle autonomie locali e governo del territorio", a cui hanno partecipato diversi esponenti politici vicini al sindaco e altri dell'area centrista. All'incontro, che si e' tenuto a Cartigliano, nel vicentino, a villa Cappello Morosini, hanno partecipato l'ex consigliere regionale Dc ed ex parlamentare Luigi D'Agro', relatore assieme a Tosi, alcuni ex Udc che in passato sono stati consiglieri provinciali e comunali a Vicenza, dei professionisti, una rappresentante degli indipendentisti veneti, ex sindaci, fra cui Stefano Cimatti, primo cittadino di Bassano del Grappa fino al 2014, l'assessore regionale Marino Finozzi e il consigliere regionale Luca Baggio. Presenti anche rappresentanti di Italia Unica, il movimento fondato dall'ex ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. Oltre al tema ufficiale, riferiscono alcuni dei partecipanti, a tenere banco anche l'ipotesi di uno schieramento terzopolista alle prossime regionali del Veneto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali 2015, incontro a Vicenza tra Tosi, Salvini e Zaia

VicenzaToday è in caricamento