Intimidazioni a Giraldo: disinfettante sul materiale elettorale, la condanna di Europa Verde

"La sua ‘colpa’ - spiegano in una nota - è stata quella di possedere materiale rivolto alla comunità Lgbt+ e di essersi soffermato a parlare di integrazione e coabitazione con una mamma di origini visibilmente straniere e i suoi due bambini”

Il candidato Jacopo Giraldo (foto: Facebook)

"Gli esponenti di Fratelli d'Italia hanno cosparso di disinfettante il materiale elettorale di Europa Verde", è la denuncia fatta da Luana Zanella, commissario straordinario di Europa Verde in Veneto, insieme ad Angelo Bonelli e Cristina Guarda, rispettivamente coordinatore dell’esecutivo nazionale dei Verdi e consigliera regionale del Veneto nonché candidata di Europa Verde, in seguito ad un episodio verificatosi nella mattinata di venerdì a Montecchio Maggiore nel gazebo presente in piazza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto riportato dai tre esponenti in una nota, con questo gesto hanno "intimidito il nostro candidato alle regionali del Veneto, Jacopo Giraldo. La sua ‘colpa’ è stata quella di possedere materiale rivolto alla comunità Lgbt+ e di essersi soffermato a parlare di integrazione e coabitazione con una mamma di origini visibilmente straniere e i suoi due bambini”.

“Nell’esprimere la nostra solidarietà a Jacopo, – proseguono i tre, – vogliamo annoverare questo episodio tra i mille modi in cui si esprime la violenza, insieme all’indifferenza di chi, lì presente, non è intervenuto a sostegno del buon senso. È questo il Veneto che Luca Zaia, accompagnandosi con queste persone, vuole continuare a costruire? Ci aspettiamo che, insieme a Giorgia Meloni, il candidato Presidente del centrodestra prenda le distanze da quanto avvenuto e rimaniamo convinti – concludono Zanella, Bonelli e Guarda, – che la non-violenza, la scuola, la tolleranza siano l’alternativa a tutto questo. Abbiamo scritto al Prefetto per chiedergli di prendere subito seri provvedimenti e, con Jacopo Giraldo, continueremo nel nostro lavoro e con le nostre battaglie a partire da questo pomeriggio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus casa 110%: tutte le informazioni per ristrutturare a costo zero

  • Coronavirus: il cibo per rafforzare il sistema immunitario

  • Coronavirus, Zaia: "Curva in aumento ma c'è un nuovo soggetto Covid: asintomatico"

  • Obbligo di pneumatici invernali o catene: quando, dove, l'importo delle multe

  • Coronavirus, si va verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Lutto nel mondo dell'imprenditoria vicentina, ci ha lasciato una delle sorelle Ramonda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento