rotate-mobile
Sabato, 28 Gennaio 2023
Politica

Elezioni presidente Provincia Vicenza: sfida a due

Domenica 29 gennaio si vota, la scelta tra Nicola Ferronato e Andrea Nardin

Domenica 29 gennaio sindaci e consiglieri dei Comuni vicentini sceglieranno il nuovo presidente della Provincia di Vicenza, che succederà all’attuale presidente Francesco Rucco sindaco di Vicenza. La scelta sarà tra Nicola Ferronato, sindaco di Caldogno, e Andrea Nardin, sindaco di Montegalda, che stamattina hanno presentato la propria candidatura all’ufficio elettorale della Provincia e già hanno avuto modo di presentarsi in due distinte conferenze stampa organizzate a palazzo Nievo.

Come stabilito dalla riforma delle Province nel 2014, non saranno i cittadini in maniera diretta a scegliere il presidente, ma saranno i loro rappresentanti, in totale 1508 tra sindaci e consiglieri comunali dei 114 Comuni vicentini. Il voto è ponderato, ossia ha un peso diverso a seconda di quanti abitanti si rappresentano. I Comuni vicentini sono divisi in 6 fasce di appartenenza, dalla A per i Comuni con meno di 3mila abitanti alla F per i Comuni con più di 100mila abitanti. Più si sale di fascia, più il voto è “pesante”. Per fare un esempio concreto, il voto di un consigliere del Comune di Vicenza (unico Comune in fascia F), vale 23 voti di un consigliere del Comune di Posina (fascia A).

Le elezioni si terranno domenica 29 gennaio, dalle 8 alle 20, in 6 seggi distribuiti nel territorio vicentino, in modo da facilitare il voto: Vicenza, Bassano del Grappa, Asiago, Montecchio Maggiore, Sossano, Thiene. Il nome del nuovo presidente della Provincia sarà noto già in serata, visto che lo scrutinio avverrà subito dopo la chiusura dei seggi. Il nuovo presidente rimarrà in carica 4 anni. Al suo fianco troverà consiglieri provinciali che, eletti nel gennaio del 2022, sono a metà mandato visto che la legge Delrio ha fissato la durata del consiglio provinciale in soli due anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni presidente Provincia Vicenza: sfida a due

VicenzaToday è in caricamento