rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Valdagno

Valdagno, stop agli ubriachi al volante: maxi controlli della polizia locale

Il consorzio di polizia locale “Valle Agno” ha in programma di intensificare i controlli sulle strade per debellare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza

Fine anno impegnativo per la polizia locale Valle Agno: in queste 6 settimane che mancano all'inizio del 2017, sono in programma 800 controlli contro la guida in stato di ebbrezza. Il consorzio ne aveva preventivati 1200 nel corso di quest anno e ne sono stati effettuati 400, di cui 13 hanno dato esito positivo. 

Queste sono le sanzioni previste dall’articolo 186 del Codice della Strada (da patentati.it)

Sanzioni per guida con tasso alcolemico tra 0,51 e 0,8 g/l

Mettersi alla guida con un tasso alcolemico compreso tra 0,51 e 0,8 grammi per litro non costituisce reato penale. La sanzione amministrativa consiste in una multa che va da un minimo di 527 a un massimo di 2.108 euro, a cui si aggiunge la sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da tre a sei mesi. In tal caso il veicolo può essere guidato da un altro passeggero che abbia un tasso alcolemico non superiore a 0,5 g/l e può essere lasciato in consegna al proprietario o in un’autorimessa. Se non ci fosse un'altra persona idonea a spostare il veicolo, questo verrà recuperato da un carro attrezzi a carico del trasgressore.  

Sanzioni per guida con tasso alcolemico 0,81 e 1,5 g/l

Mettersi alla guida con un tasso alcolemico compreso tra 0,81 e 1,5 grammi per litro costituisce reato penale punibile con l’arresto fino a 6 mesi, una multa che va da 800 a 3.200 euro e la sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da sei mesi a un anno.

Sanzioni per guida con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l

Si tratta della soglia sopra la quale vengono applicate le sanzioni massime previste in caso di guida in stato di ebbrezza: arresto da sei mesi a un anno, multa che va da 1.500 a 6.000 euro e sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da uno a due anni. È inoltre prevista la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, tranne se tale veicolo sia intestato a persona diversa da quella che ha commesso il reato. In tal caso, quindi, il veicolo non viene confiscato ma viene raddoppiata la durata della sospensione della patente, che quindi passa da un minimo di due a un massimo di quattro anni.

Incidente in caso di guida in stato di ebbrezza

Qualora il conducente in stato di ebbrezza provochi un incidente stradale, le sanzioni previste dal Codice della Strada sono raddoppiate, è prevista la sanzione accessoria della revoca della patente ed è disposto il fermo amministrativo del veicolo con cui è stato provocato l’incidente per un periodo di 180 giorni, eccetto nei casi in cui il veicolo è intestato ad un soggetto diverso da quello che ha provocato l’incidente. Nel 2016 è stato anche introdotto il reato di omicidio stradale.

Tasso alcolemico zero per neopatentati

In base a quanto disposto dal Codice della Strada, i minori di 21 anni e tutti i soggetti neopatentati(ovvero che abbiano conseguito la patente da meno di tre anni) non possono guidare dopo aver assunto sostanze alcoliche, in quanto il limite imposto è di zero grammi per litro. La multa prevista per i neopatentati alla guida in stato di ebbrezza accertata con tasso alcolemico inferiore a 0,5 g/l è fino a 624 euro, mentre in caso di tasso alcolemico superiore si applicano lesanzioni previste dal Codice della Strada aumentate di un terzo.

Tolleranza zero anche per i guidatori professionali che svolgono l'attività di trasporto di merci o di persone e per i conducenti di veicoli con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate, con sanzioni raddoppiate in caso di guida in stato di ebbrezza accertata e revoca della patente con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l.

Stato di ebbrezza, i casi di recidiva e rifiuto di sottoporsi all’acol test

Nei casi di recidiva in un biennio è prevista la revoca della patente. Se invece il soggetto che viene fermato e sospettato di guida in stato di ebbrezza si rifiuta di sottoporsi all'alcol test, vengono applicate le sanzioni più severe previste dal Codice della Strada, ovvero quelle applicate nei casi di tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l: multa da 1.500 e 6.000 euro, sospensione della patente da uno a due anni e confisca del veicolo.

Stato di ebbrezza,  ricorso e prescrizione

In caso di guida in stato di ebbrezza è comunque possibile fare ricorso se durante l’accertamento sono stati commessi dei vizi di forma. Il tempo necessario per la prescrizione delle sanzioni relative all’articolo 187 del Codice della Strada è di due anni se si tratta di una contravvenzione per cui la legge stabilisce la pena dell'ammenda, di tre anni se si tratta di contravvenzione per cui la legge stabilisce la pena dell'arresto e di cinque anni se si tratta di delitto per cui la legge stabilisce la pena della reclusione inferiore a cinque anni, o la pena della multa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valdagno, stop agli ubriachi al volante: maxi controlli della polizia locale

VicenzaToday è in caricamento