No Tav: a Vicenza presidio di solidarietà alle 18.30

Mentre in Val Susa le ruspe della Tav scortate dalla polizia rompono il blocco dei manifestanti, a Vicenza il Presidio No Dal Molin convoca un sit in in solidarietà al movimento. Appuntamento alle 18.30 sotto la Prefettura

La violenta battaglia nella notte in Val di Susa, dove la polizia con 2000 uomini ha caricato il presidio dei No Tav che bloccavano il cantiere dell'alta velocità, fa sentire il suo eco anche a Vicenza. In città, da parte dei movimenti da sempre vicini alla lotta dei valligiani piemontesi che si oppongono alla devastazione del super treno Torino-Lione, è scattata subito la solidarietà. Il Presidio No Dal Molin ha convocato un sit in di protesta sotto la Prefettura, in contra' Gazzolle, a partire dalle 18.30 di oggi.

In Val di Susa si contano al momento 40 feriti tra forze dell'ordine e manifestanti, le ruspe scortate dalle forze dell'ordine in assetto anti sommossa hanno sfondato le barricate dei No Tav usando cariche e fumogeni, tanti i manifestanti rincorsi fin nei boschi. E fra di loro c'era anche Turi Vaccaro, il pacifista di origine siciliana che da anni gira il mondo aiutando con gesti nonviolenti le lotte per la pace. Questa mattina ha superato i blocchi della polizia avvicinandosi a una ruspa, ed è stato subito arrestato. Nel 2009, a Vicenza, era entrato all'interno del cantiere super sorvegliato della base militare Dal Molin, per piantare dei semi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

  • Guida Michelin 2021: gli otto ristoranti stellati nel vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento