Cronaca

Laghetto, tenta di uccidere l'amico con un coltello

L'episodio è avvenuto intorno alla mezzanotte di venerdì. Sul posto la polizia che ha fermato un 29enne

Un pomeriggio alcolico finito nella pura follia. Un 29 vicentino, M.G., venerdì in tarda serata, ha accoltellato un amico a una mano lesionandogli un tendine. L'intenzione, secondo le testimonianze della vittima 32enne, era quella di uccide. Il ragazzo è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio e lesioni aggravate.

C'è una situazione difficile alla base dell'episodio. Il 29enne ha un passato di comunità e precedenti legati all'abuso di alcol e resistenza a pubblico ufficiale. Disoccupato, il vicentino vive con la madre e con lo zio, con i quali, secondo le ricostruzioni della polizia, ha rapporti difficili. Nel pomeriggio di venerdì un amico va a fargli visita.

M., ha già bevuto parecchio (in seguito i rilievi dell'ospedale troveranno circa 4 g/l nel sangue)e i due ascoltano musica e cominciano a bere superalcolici. Il 29enne ha una collezione di coltelli e, improvvisamente e senza nessuna ragione apparente, ne prende uno e si scaglia contro l'amico, urlando e puntando l'arma alla faccia e al cuore, come riferisce la stessa vittima. Volano calci e pugni e il 32enne para un fendente con una mano procurandosi una lesione al tendine.

Solo l'intervento delle volanti, chiamate dalla madre dell'aggressore, riesce a porre fine alla follia. Quando arrivano sul posto gli agenti trovano i due ragazzi a terra e un lago di sangue: uno finisce in ospedale con una prognosi di 15 giorni; l'altro in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laghetto, tenta di uccidere l'amico con un coltello
VicenzaToday è in caricamento