Con la spycam in spiaggia per fotografare i bimbi: vicentino rischia linciaggio

L'uomo è stato salvato dalla polizia. Nel suo archivio oltre 200 immagini proibite

Quando si sono accorti che, con una spy cam, stava fotografando i bambini in spiaggia i genitori lo hanno accerchiato cercando di linciarlo.

Momenti di tensione sulla battigia riminese, nella mattinata di lunedì, quando poco dopo le 11 un 61enne vicentino ha rischiato di venire picchiato.

È stato necessario l'intervento della polizia di Stato con gli agenti che, arrivati sul posto, hanno evitato il peggio. Secondo quanto emerso l'uomo, con una microcamera, si aggirava sulla riva e, il suo modo di fare, ha insospettito i genitori. Quando si sono accorti dell'apparecchiatura elettronica lo hanno accerchiato ma, i militari della Capitaneria di Porto arrivati in spiaggia, hanno evitato il peggio e hanno allertato il personale della polizia di Stato che lo ha portato negli uffici di corso d'Augusto.

La microcamere è stata sequestrata e, dall'analisi della memoria, sono spuntate 200 foto di bambine che facevano il bagno in mare. Il 61enne, che ha un precedente per aver acquistato su internet delle immagini pedopornografiche, è stato denunciato a piede libero per molestie e il Questore ha emesso a suo carico un foglio di via.

DA RIMINITODAY

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Qualità della vita, Vicenza agguanta il podio: terza città a livello nazionale, prima del Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Coronavirus, altre 9 vittime a Vicenza: anche un uomo di 58 anni

  • Piogge e qualche fiocco di neve: welcome december

  • Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

Torna su
VicenzaToday è in caricamento