Carabiniere libero da servizio aggredito da due fratelli dopo un sorpasso pericoloso

L'aggressione è avvenuta nel pomeriggio di martedì. I due giovani, 19 e 23 anni, sono stati denunciati per lesioni aggravate, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Al militare sono state riscontrate ferite guaribili in 25 giorni

Nel pomeriggio di martedì l’aliquota radiomobile della compagnia di Schio ha denunciato per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento: un 23enne scledense, con precedenti di polizia e il fratello 19enne, incensurato.

I due sono accusati dell'aggressione di un carabiniere della stazione di Malo. Il militare, mentre si trovava a bordo della propria auto, è stato sorpassato in maniera pericolosa dal 23enne a bordo del proprio scooter e ha richiamato il giovane a guidare con maggiore prudenza.

Il 23enne, che nel frattempo era arrivato nei pressi della propria abitazione, è sceso dallo scooter e ha fatto fermare l’auto guidata dal carabinire il quale, senza avere il tempo di qualificarsi correttamente, è stato aggredito dal 23enne e dal fratello che intanto era uscito dall’abitazione. I due fratelli hanno infatti rotto un vetro dell’auto e sferrato un pugno al volto del militare.

Sul posto è intervenuta una pattuglia della radiomobile che ha riportato la calma. Nonostante si chiarisse che la persona aggredita fosse un carabiniere, i fratelli hanno proseguito nell’insultarlo e addirittura minacciarlo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al militare sono stati riconosciuti 25 giorni di prognosi per le ferite al volto mentre i due fratelli, condotti in caserma per ulteriori accertamenti, sono stati prima denunciati per lesioni aggravate e danneggiamento, poi per resistenza a pubblico ufficiale in considerazione delle minacce profferite una volta saputo che l’uomo era un carabiniere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento