menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di archivio

foto di archivio

Sfruttamento e irregolarità contrattuali: azienda agricola nei guai

Al centro delle indagini La Decima srl, con sede e bistrot di rivendita di prodotti biologici nel vicentino. Le accuse sono di lavoro nero, uso massiccio di “pseudo tirocinio” (i lavoratori venivano retribuiti tra i 200 e 400 euro al mese pur lavorando tutti i giorni per non meno di dieci ore al giorno) in condizioni igieniche precarie

Il 4 marzo scorso l’Ispettorato Interregionale del Lavoro, coadiuvato dai carabinieri del collegato Nucleo IIL, ha effettuato una operazione coordinata in tre regioni del nord Italia, nei confronti dell'azienda agricola La Decima srl, con sede e bistrot di rivendita di prodotti biologici nel vicentino, ma operativa anche nelle provincie di Mantova e Bologna.

Il blitz delle autorità, simultaneo nelle tre province, ha riscontrato una grave situazione di sfruttamento lavorativo e di irregolarità contrattuali nei confronti di 14 lavoratori, stranieri ed italiani. Sono stati contestati lavoro nero, uso massiccio di “pseudo tirocinio” (i lavoratori venivano retribuiti tra i 200 e 400 euro al mese pur lavorando tutti i giorni per non meno di dieci ore al giorno) e condizioni di gravi irregolarità in materia di salute e sicurezza nel luogo di lavoro. 

Nel bolognese, in una azienda collegata, sono stati riscontrati 3 lavoratori completamente in nero (due extracomunitari e un italiano) e in pessime condizioni igienico-sanitarie. 

Le autorità hanno già emesso ammende per circa novemila euro e disposto la sospensione dell’attività nel punto vendita in provincia di Vicenza. Verranno inoltre recuperati i contributi relativi ai falsi tirocini per circa trenta mila euro, ma gli accertamenti sono ancora in fase di completamento. 

“Questa operazione delle forze dell’ordine e dell’ITL - dichiara Giosuè Mattei (Flai Cgil Vicenza) - nasce da una attività che come Flai Cgil svolgiamo in maniera capillare nel territorio attraverso il sindacato di strada. L’azione di stare vicini ai lavoratori nei luoghi di lavoro ma soprattutto parlarci, ascoltarli, comprenderli nel loro disagio, consente di intercettare tutte quelle “prassi spia” che questi imprenditori spregiudicati praticano sfruttando le lavoratrici e i lavoratori. La collaborazione con gli organi ispettivi consente di intervenire a tutela, là dove si configurano reati e si annienta la dignità delle persone. Nello specifico ci sono voluti molti mesi di lavoro certosino e sottotraccia per ricostruire il quadro consegnato alle autorità.  L’aver smascherato questa attività rende giustizia a tutti quei lavoratori che in questi anni sono stati sfruttati e hanno pagato le conseguenze dei molti illeciti subiti. Lo sfruttamento lavorativo, non solo in agricoltura, non ha confini. Anche la nostra provincia di Vicenza ha, purtroppo, delle tinte fosche da questo punto di vista. La nostra attività, perciò, prosegue e continueremo a segnalare alle autorità competenti anche tutte quelle attività illecite e di sfruttamento che sono collegate ai servizi all’agricoltura, dove risultano spesso utilizzate, da molti imprenditori agricoli, sedicenti “cooperative spurie”, nel vicentino ma anche in altri territori del Veneto.  Noi non volgeremo mai lo sguardo da un’altra parte per far finta di niente, ma dove ci sarà anche un solo lavoratore vittima di sfruttamento, noi saremo al suo fianco”.

"Un’azione coordinata in tre regioni - conclude Andrea Gambillara (segretario generale Flai Cgil Veneto) - conferma l’importanza della collaborazione tra organi ispettivi e parti sociali territoriali. Questa vicenda, però, ci conferma due altri aspetti: da una parte la presenza di sfruttamento anche dove viene rivendicata una “produzione di qualità”, senza che però ci sia il lavoro di qualità; dall’altra la necessità di completare l’azione repressiva con un’azione preventiva “di rete”. Possiamo attuare gli strumenti della legge 199/2016 e concretizzarne altri, in sinergia, per una lotta efficace a favore della legalità e dignità del lavoro. Sono in campo molte proposte e progetti (anche finanziati da Unione Europa e Ministero delle Politiche agricole) utili non solo a lavoratrici e lavoratori, ma anche alle molte imprese corrette che meritano di essere distinte da chi attua comportamenti illegali". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Attualità

Covid-19, contagiata una operatrice sanitaria già vaccinata

social

La Barricata sul Costo è in vendita

Ultime di Oggi
  • Attualità

    La montagna frana: addio alla guglia Corno

  • Attualità

    Coronavirus, diminuiscono i ricoveri ma ancora decessi in Veneto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento