Uccide e scuoia femmina di capriolo incinta: denunciato bracconiere

Un 47enne ha ucciso per pura crudeltà e senza alcuna necessità il povero animale che era in attesa del parto. A casa aveva 8 fucili detenuti illegalmente

Ha ucciso per pura crudeltà, solo per il gusto di infierire nei confronti di  un animale indefeso e in attesa di partorire. È successo nei giorni scorsi a Valdagno quando i carabinieri, assiema alla polizia provinciale, sono intervenuti dopo la segnalazione di un cittadino che aveva udito degli spari nei pressi di una abitazione  e aveva visto cadere il capriolo, colpito a morte. Sul posto gli operatori hanno scoperto che il bracconiere aveva sparato dall’abitazione del fratello ai margini del bosco, abbattendo un capriolo femmina in attesa del parto.

Lo stesso  bracconiere, privo del porto di fucile da caccia dal 2010, aveva nascosto nella casa del fratello la carcassa dell’animale, già scuoiato. Dalle prime indagini e dagli accertamenti effettuati si scopriva che l’arma, un fucile a canne sovrapposte di proprietà di un secondo fratello del cacciatore, era stato spostato senza autorizzazione e detenuto senza particolari precauzioni in un semplice armadio, motivo per il quale è stata sequestrata, unitamente alla carcassa del capriolo, dagli agenti accertatori, non sussistendo, oltre al resto, i requisiti di sicurezza necessari alla custodia.

Oltre all’arma utilizzata per l’abbattimento, gli agenti hanno rinvenuto altri 7 fucili da caccia nelle stesse condizioni provvedendo a togliere tutto dalla disponibilità degli interessati secondo le disposizioni del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. Il sequestro è stato convalidato in quanto si tratta di furto aggravato ai danni dello Stato utilizzando mezzi vietati dalla legge, comunemente detta “sulla caccia”, poiché è stata utilizzata munizione spezzata. L’art. 30 della legge 157/92, in questi casi, prevede anche una ammenda fino a 1550 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti accertatori hanno denunciato il 47enne, oltre che per furto aggravato secondo l’art. 624 del Codice Penale, che prevede la reclusione da 1 a  6 anni ed una multa da 103 euro a 1032 euro, anche per l’art. 544 bis del Codice Penale, che punisce il fatto di aver ucciso con crudeltà e senza necessità un animale; in questo caso la pena prevista è quella della reclusione da 4 mesi a 2 anni. In aggiunta hanno notiziato l’Autorità Giudiziaria sia per porto abusivo d’arma (art. 699 del CP), con pena prevista dell’ arresto fino a 18 mesi, sia  per lo sparo dall’abitazione (art. 703 CP) che prevede ammenda ed eventuale arresto. I proprietari e custodi dei fucili  rischiano il ritiro definitivo della licenza di porto di fucile e delle armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La proposta di Sergio Berlato: «Chi interrompe caccia e pesca andrebbe trattato da terrorista»

  • Coronavirus: il cibo per rafforzare il sistema immunitario

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Coronavirus, Zaia: "Curva in aumento ma c'è un nuovo soggetto Covid: asintomatico"

  • Obbligo di pneumatici invernali o catene: quando, dove, l'importo delle multe

  • Coronavirus, si va verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento