Arte e famiglie venete in difficoltà post Covid, mano tesa dallo storico pastificio

Una creazione esclusiva in tiratura limitata di 500 esemplari

Il progetto coniuga marketing, arte e dono reinterpretando un brand storico dell’artigianato alimentare toscano, che si prefigge di sostenere, in piena pandemia Covid-19, il settore artistico e le famiglie venete in difficoltà. 

La scatola di 2 kg, una pasta di Semolato di grano duro biologico 100% “Senatore Cappelli”, sarà regalata con l’acquisto online dei prodotti Fabbri su sito https://shop.pastafabbri.it/ contribuendo così a far distribuire fino a 250 Kg di pasta tramite l’Associazione Banco alimentare Veneto onlus. Nel progetto è stato coinvolto anche Emmanuele Panzarini, visual artist padovano, noto per lavorare con il colore e il riuso di materiali comuni in contesti aperti che offrono al passante curioso l’occasione di interagire con i suoi inserti simbolici nello spazio. 

"Essere vicini alle persone si direbbe un obiettivo scontato per chi dal 1893 produce e vende l'alimento più amato in Italia e nel mondo: la pasta - spiega Marco Fabbri che con il padre Giovanni rappresentano rispettivamente la 4° e 5° generazione del pastificio di famiglia - Eppure ci sono momenti in cui le Persone hanno difficoltà a reperire qualunque cibo o non possono permetterselo.  Nel 2020 è la pandemia di Covid-19 a fare la sua chiamata e Fabbri risponde ancora una volta. La cultura e molte imprese sono ferme, le famiglie sono provate. Così in marzo nasce l’idea di tradizione ad arte, il progetto che coniuga bellezza e dono. Al centro il Veneto, la regione simbolo dell'inizio della pandemia e poi della speranza di uscirne. Colaborando con Emmanuele Panzarini, visual artist padovano, e attraverso l’associazione Banco Alimentare del Veneto onlus, Fabbri ha fatto, ancora una volta, la sua scelta”. 

La scatola ha un formato di 24x20x16 cm ed è caratterizzata da colori accesi e vivi seguendo l’estetica artistica di Panzarini, conferendo un tocco creativo e fresco al packaging. Per il progetto, Panzarini si è fatto coadiuvare da Chiara Baù, una giovane illustratrice di libri per l’infanzia e toy designer della zona di Vò nei colli Euganei.

"In questi mesi di grandi difficoltà, l’esperienza più forte è stato il dono: dono dei cittadini, dei volontari e delle imprese che come una reazione a catena ci ha travolti di speranza - ha dichiarato il presidente dell’Associazione banco Alimentare del Veneto onlus, Adele Biondani - Questo progetto per noi è un grande supporto al nostro lavoro e ci riempie di responsabilità ancora più grande nel nostro operare quotidiano. Attendiamo di avere il piacere di far visitare alla famiglia Fabbri e all’equipe di Panzarini il nostro centro logistico di Verona”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Uomini e donne, vicentino protagonista del Trono over trova l’anima gemella

  • Dramma della disperazione per una mamma: il figlio 15enne la salva da un gesto estremo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento