Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità

Asili nido, riduzione comunale delle rette: richieste entro il 31 marzo

Il rimborso viene erogato scalando la retta del mese successivo a quello per il quale si fa richiesta

Entro il 31 marzo le famiglie che vogliono fare domanda della riduzione comunale della retta per la frequenza degli asili nido devono richiedere il bonus Inps per l’anno 2024 e comunicare l’avvenuta adesione all’assessorato all’istruzione.

«Per essere ammessi alla misura comunale è indispensabile produrre l’autocertificazione che attesti l’adesione al bonus asilo nido Inps, valido per anno solare - spiega l’assessore all’istruzione Giovanni Selmo -. Una volta fatta la richiesta online all’Inps, si potrà proseguire con il rimborso comunale, pari al 20% della differenza tra la retta base e il bonus Inps, di cui hanno beneficiato, da settembre a dicembre dello scorso anno, l’89% delle famiglie aventi diritto».

Il bonus Inps 2024 va richiesto online da tutte le famiglie, indipendentemente dall’Isee, nel sito dell’Inps (https://bit.ly/bonusinpsvi), registrandosi con Spid o Cns. In alternativa ci si può rivolgere agli enti di patronato (Caf) che forniranno assistenza gratuita per la presentazione della domanda.

Fatto questo passaggio, i genitori che devono corrispondere una retta superiore al bonus ricevuto dall’Inps possono chiedere al Comune l’ulteriore rimborso che per quest’anno educativo ammonta, mensilmente, al 20% della differenza tra la retta base e il bonus Inps ricevuto.

La richiesta va presentata entro il 31 marzo 2024 all’indirizzo mail: asilinido@comune.vicenza.it

Il rimborso comunale viene erogato, scalando la retta del mese successivo a quello per il quale si fa richiesta.

Per maggiori informazioni è possibile inviare una mail all’ufficio asili nido all’indirizzo asilinido@comune.vicenza.it oppure chiamare il numero 0444/222126 (https://www.comune.vicenza.it/cittadino/scheda.php/50551,352987).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido, riduzione comunale delle rette: richieste entro il 31 marzo
VicenzaToday è in caricamento