rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Attualità Creazzo

Gianluca Tomasi nominato ambasciatore della cucina italiana del mondo

Le premiazioni nell'aula dei gruppi parlamentari della camera dei deputati

Premiare chi ha fatto dell'arte culinaria la sua missione di vita e contribuisce con il suo saper fare ogni giorno a diffondere e a far apprezzare i valori e la tradizione del nostro Made in Italy, e tra gli ambasciatori c’è anche un vicentino. Come riporta l’Ansa, è l'intento della prima edizione dell'Albo d'Oro dei Cuochi, evento organizzato dalla Federazione Italiana Cuochi in onore dei Cuochi Decani e che ieri, lunedì 12 dicembre ha visto una folla di berrette e casacche bianche invadere l'aula dei gruppi parlamentari della camera dei deputati: oltre 300 chef provenienti da tutte le regioni d'Italia e dall'estero, tra questi i 97 premiati.

Numerosi i riconoscimenti assegnati per le varie categorie dell'Albo. Da quella dei cuochi volontari, impegnati ogni giorno nelle attività a sostegno dei più bisognosi, dai pasti sociali alle emergenze durante le calamità, a quella degli chef patron, dalla categoria giovani cuochi a quella degli ambasciatori della cucina italiana nel mondo, che ha visto salire sul palco, oltre al tristellato Enrico Crippa e Pierluca Ardito, Gianluca Tomasi, vicentino di Creazzo, general manager e della Nazionale Italiana Cuochi, reduce dall'oro appena conquistato in Lussemburgo. Premi anche per la categoria docenti e personale Ata e Premio Speciale alla memoria dello chef Domenico Radicchi. Riconoscimenti sono stati inoltre tributati a diversi rappresentati delle istituzioni.

Tra questi, insigniti con l'Albo d'Onore della Federazione Italiana Cuochi il vicepremier e ministro Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini, il vicepresidente del Senato Gian Marco Centinaio, il ministro del Masaf Francesco Lollobrigida, il viceministro alle Imprese e Made in Italy Valentino Valentini. Tra i presenti il presidente della Camera dei Deputati Lorenzo Fontana e il presidente Federcuochi Rocco Pozzulo, che ha colto l'occasione per esprimere le richieste della Federazione alle istituzioni presenti: "La concretizzazione della norma sulla certificazione delle competenze del cuoco, una norma unica creata dalla Federazione italiana cuochi, che vuole un cuoco certificato all'interno di ogni cucina per salvaguardare la salute degli ospiti", ma anche "la giusta attenzione al riconoscimento della professione del cuoco come lavoro usurante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gianluca Tomasi nominato ambasciatore della cucina italiana del mondo

VicenzaToday è in caricamento