Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Amministrazione Possamai, il bilancio di fine anno

Il punto della Giunta sui primi sei mesi di governo della città e sui progetti futuri

Il sindaco Giacomo Possamai e gli assessori all’ambiente, alle politiche energetiche e al patrimonio Sara Baldinato, ai lavori pubblici e alla mobilità Cristiano Spiller e allo sport, ai grandi eventi e al Parco della Pace Leone Zilio hanno fatto il punto sui primi sei mesi di amministrazione presentando anche i progetti previsti per il 2024. «Abbiamo messo in pratica alcuni impegni presi in campagna elettorale, come il progetto delle ciclovie fluviali - sottolinea il sindaco Giacomo Possamai -. Ed è stato fatto seguendo un principio di fondo: liberare le energie della città. Questo significa sbloccare i cantieri, incagliati da anni, e mettere nelle condizioni di agire associazioni e cittadini. Basti pensare al coinvolgimento di comitati e privati nelle domeniche ecologiche o al ripensamento delle convenzioni con le società sportive per la gestione degli impianti sportivi».

Ambiente, politiche energetiche e patrimonio

«Restituire e rigenerare è il titolo che userei per definire questi primi sei mesi – afferma l’assessore all’ambiente Sara Baldinato -. Nelle domeniche ecologiche, il cui obiettivo è rendere consapevoli i cittadini, abbiamo coinvolto i quartieri. Una novità recepita positivamente da associazioni, parrocchie, comitati e cittadini che hanno partecipato numerosi e che ci hanno anche ringraziato. Non è mancato il coinvolgimento dei privati, ad esempio negli eventi di piantumazione che hanno portato a circa 400 nuovi alberi messi a dimora con l’aiuto dei cittadini stessi.

A cavallo tra passato e futuro si colloca il complesso delle ex serre di Parco Querini, con la restituzione alla città, nel corso dell’ultima domenica ecologica, dell’ingresso di via Rodolfi e del percorso intorno alla peschiera e l’obiettivo di aprire presto una caffetteria e un vivaio». Sono quattro le domeniche ecologiche promosse dall’assessorato all’ambiente da settembre a dicembre 2023. Le iniziative di sensibilizzazione sono state dedicate ogni volta ad un tema specifico, approfondito in particolar modo nel corso di un convegno. «Sono orgogliosa inoltre che Vicenza abbia ripreso il ruolo di coordinamento in materia di ambiente rispetto ai Comuni della Provincia. Con gli assessori dei Comuni contermini abbiamo dato avvio ad un tavolo di lavoro nel quale Vicenza fa da capofila anche nelle interlocuzioni con la Regione», sottolinea l’assessore Baldinato.

In arrivo per il 2024 un nuovo bando online che prevede 50 mila euro di contributi per la sostituzione delle caldaie e dei condizionatori con pompa di calore. Con l’assessorato alla mobilità e ai lavori pubblici e con il Genio civile, è in corso lo sviluppo del progetto delle ciclovie fluviali. «Le interlocuzioni negli ultimi mesi sono state numerose – sottolinea l’assessore Baldinato -. La concessione in merito al bacino di viale Diaz è praticamente pronta. Nei primi mesi del 2024 prevediamo anche di mettere a nuovo l’approdo di Parco Retrone, adattandolo alle imbarcazioni di adesso e al livello dell’acqua, in vista anche di un importante evento sui fiumi». Per quanto riguarda l’ex Centrale del Latte, in primavera è fissata l’apertura del parco e la conclusione della riqualificazione dell’edificio storico grazie a 1 milione e 800 mila euro stanziati dall’amministrazione con l’ultimo assestamento di bilancio. «Inizieremo quindi a studiare, in stretta collaborazione con i cittadini del quartiere, la destinazione d’uso della struttura che sarà un luogo di aggregazione e socialità», conclude Sara Baldinato.

Lavori pubblici e mobilità

Sono numerosi gli interventi seguiti dall’assessore ai lavori pubblici e alla mobilità Cristiano Spiller, che sottolinea l’attenzione particolare rivolta a Campo Marzo: «Dopo decenni abbiamo demolito l'ex chiosco davanti alla stazione ferroviaria, tra viale Venezia e viale Roma. Un’arteria questa interessata qualche mese fa dalla spiacevole caduta del grande tiglio, a cui abbiamo reagito prontamente con un piano alberature che prevede l’abbattimento delle piante pericolose, anche nell’area vincolata di Campo Marzo, e nel contempo l’inserimento di nuove piante “pronto effetto”. Daremo vita anche al nuovo parco di via Ippodromo, rimodulando il progetto Pnrr ereditato dalla precedente amministrazione che riteniamo poco efficace per la riqualificazione dello spazio». «Ci sono poi tanti cantieri, che sembravano infiniti, e che andiamo a chiudere», continua Spiller. Si tratta della riqualificazione dell’ex Centrale del latte, del complesso delle ex serre di Parco Querini e della struttura di via Fincato, dove troverà spazio il centro ambulatoriale dei Ferrovieri. «Appena insediati abbiamo individuato le risorse e realizzato il progetto di via Fincato, entrambi non lasciati dalla precedente amministrazione, concludendo in pochi mesi i lavori», afferma Spiller.

Per quanto riguarda la mobilità scolastica, nel 2024 vedrà la luce la nuova piazza di fronte all’ingresso della scuola Ghirotti, che verrà realizzata durante la chiusura estiva. È partito inoltre il progetto di sviluppo della mobilità nella cittadella degli studi. «Negli scorsi mesi, con l’assessore all’istruzione Giovanni Selmo e la vicepresidente della Provincia di Vicenza Maria Cristina Franco – spiega Spiller -, sono stati fatti degli incontri con gli istituti scolastici, Svt, la polizia locale e i vari soggetti interessati per dare avvio nel 2024 ad una serie di interventi, da sviluppare nei prossimi anni, per dare una viabilità più sicura ed efficace a questa zona della città».

Sport, grandi eventi e Parco della Pace

Nei primi sei mesi dell’amministrazione Possamai, non è mancata l’attenzione per il mondo dello sport. «Risorse per gli 80 impianti sportivi comunali, grandi eventi che fanno da volano al brand Vicenza a livello internazionale e un ripensamento delle convenzioni con le società sportive», questi i temi principali toccati dall’assessore allo sport Leone Zilio. Nel dettaglio, sono stati finanziati gli interventi di manutenzione, che prenderanno il via nei primi mesi del 2024, al Menti, dove verrà cambiata la centrale termica, al Palazzetto dello Sport, per la sostituzione delle guaine contro le infiltrazioni e il rifacimento di alcune pareti laterali, e alle Piscine comunali per il nuovo impianto di aerazione.

Nel 2023 Vicenza ha ospitato eventi sportivi di livello nazionale e anche mondiale, come le  gare del Campionato mondiale di pattinaggio corsa femminile e maschile, massima competizione internazionale di pattinaggio veloce su rotelle, il Giro del Veneto, la classica di ciclismo per professionisti, con gli ultimi giri e il gran finale a Monte Berico, “La via dei Berici – Ride in Vicenza”, e per la prima volta in città i Campionati europei sprint di corsa orientamento. «Stiamo lavorando per portare in città una tappa del Giro d’Italia, che manca ormai da dieci anni», afferma Zilio. «Stiamo inoltre studiando come allungare i termini e cambiare l’oggetto delle convenzioni relative agli impianti sportivi – sottolinea l’assessore Zilio -. L’obiettivo è far sentire le società sempre più a casa loro, permettendogli di gestire una programmazione più a lungo termine e di investire sugli impianti facendosi carico, alleggerendo le casse comunali, non solo delle manutenzioni ordinarie ma anche di quelle straordinarie»

Per quanto riguarda il Parco della Pace, la fine dei lavori è prevista per la prima metà del 2024. «La tensostruttura – spiega l’assessore Zilio – si potrà inaugurare nelle prime settimane del 2024, il nuovo campo da rugby sarà concluso in primavera e stiamo terminando con l’impresa appaltatrice gli ultimi interventi. Sono 13 le manifestazioni di interesse arrivate per realizzare il business plan del Parco della Pace. Sono al vaglio in questi giorni della commissione tecnica i curricula per la consegna dell’incarico a inizio anno. Vicenza si è inoltre aggiudicata il bando “Capitale natura” indetto da Cariverona per 270 mila da destinare alla biodiversità del Parco».

«Sul fronte dei grandi eventi siamo felici di aver creato un’ottima sinergia con il tessuto imprenditoriale della città, realizzata sia per il Natale, con l’importante contributo degli sponspor per le luminarie, sia per il Capodanno. Il 31 dicembre sarà il giorno “delle prime volte” con un grande artista che suonerà in un luogo inedito come viale Roma. Un evento, che ricordo, costerà all’organizzatore circa 130 mila di cui solo 20 mila euro impegnati dall’amministrazione tramite Confcommercio. Per il 2024 tornerà il Carnevale in città e sarà inoltre l’anno dell’Adunata nazionale degli Alpini. Un evento ereditato dalla scorsa amministrazione, su cui ci siamo messi subito al lavoro con gli organizzatori per essere pronti ad accogliere le 500 mila persone previste in città».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrazione Possamai, il bilancio di fine anno
VicenzaToday è in caricamento