Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Video: «Aprivo alle 18, ora devo abbassare la saracinesca: a pagare sono sempre i piccoli»

Catello Buononato ha una pizzeria nell'hinterland del capoluogo berico. Racconta che i suoi collaboratori e i suoi due bambini piccoli dipendono da lui: motivo per cui «è tanta la sua amarezza» per la chiusura serale anticipata per bar e pizzerie «a seguito dell'ultimo decreto governativo»

 

Catello Buononato ha aperto la sua pizzeria meno di un anno fa a Vigardolo di Monticello Conte Otto: aveva «il sogno» di mettersi in proprio e c'era «riuscito», ma ora il nuovo decreto governativo che impone la chiusura dei locali alle 18, «dopo il lockdown di primavera», racconta alle telecamere di Vcienzatoday.it lo mette «in ginocchio». Non sa se riuscirà «a reggere solo con l'asporto perchè - spiega - in un esercizio commerciale a differenza di uno artigianale se ne va in tasse il 63% del guadagno e i ristori chissà se e come arriveranno».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento