rotate-mobile
Attualità Rosà

Morte Michele Merlo, l'ultimo saluto al giovane cantante

É il giorno del dolore per la scomparsa dell'artista morto dopo essere stato colpito da una leucemia fulminante. Allo stadio di Rosà il funerale del 28enne

Mancano dieci minuti alle 17 e c'è giá una piccola folla che attende il feretro del cantante Michele Merlo del quale si celebrano le esequie allo stadio comunale di Rosá.

L'ultimo abbraccio a Michele Merlo, nella sua Rosà

L'arrivo delle carrozze funebri è salutato con compostezza dai presenti mentre fotografi e cameraman riprendono la scena. Anche l'arrivo dei familiari è accolto con molta compostezza mentre le forze dell'ordine regolano il flusso dei passanti.

Salvini e Meloni stretti nel dolore dei famigliari

In prima fila, poco prima dell'inizio della cerimonia, è giunto anche Matteo Salvini, segretario italiano del Carroccio. Presenti anche il sindaco rosatese Paolo Bordignon e il segretario nazionale di Fdi Giorgia Meloni.

Durante le preghiere che giungono dal palco i fans del giovane cantante si sono mescolati con la gente comune e con i molti politici presenti sul prato dello stadio. L'omelia è iniziata con un minuto di silenzio, l'officiante ha spiegato che anche il silenzio è parte integrante della melodia musicale alludendo come vita e morte siano parte di uno stesso ciclo.

Mentre i presenti ascoltano con molta attenzione è l'assessore regionale Manuela Lanzarin a tradire una certa emozione mentre fatica a trattenere qualche lacrima. L'officiante ha parlato più volte della parabola artistica di Michele votata alla ricerca e alla saggezza «nel rapporto con gli altri». Tra i presenti, seicento poco meno, ci sono molti ragazzi e non mancano i giovani della scena musicale veneta e emiliana. In Emilia infatti Michele aveva molte conoscenze nel mondo canoro.

L'officiante Carlo Maria Veronese, un sacerdote bolognese della confraternita di San Filippo Neri, ha molto insistito nella sua omelia nel legame presente nella storia della Chiesa tra sacro e arte, tra musica e rappresentazione «del disegno divino nel nostro mondo». Oltre ai media regionali l'evento viene seguito minuto dopo minuto da Tv e agenzie nazionali, anche in relazione alla crescente notorietà cui Merlo stava andando incontro nel panorama musicale italiano.

I genitori di Merlo per lunghissimo tempo, quasi senza accorgersi del passaggio dei minuti hanno fissato il feretro del figlio mentre sulla sommità della bara un alito di vento muoveva appena le rose bianche adagiate poco prima della cerimonia. A fianco di Salvini ha trovato posto l'assessore alla protezione civile di Vicenza Mattia Ierardi che ha seguito in solitudine l'omelia.

Durante le fasi finali della stessa omelia la madre di Michele ha abbracciato il marito mentre il pubblico ascoltava don Veronese: «Momenti come questi devono aiutarci ad affrontare anche le nostre fragilitá» ha sottolineato il prelato alla fine della sua prolusione.

Amici e parenti ricordano Mike

Terminata la funzione religiosa amiche e amici di Michele, in arte Mike Bird, in una con alcuni parenti hanno voluto lasciare alcuni messaggi a favore di microfono. Gli amici hanno ricordato parecchio l'aspetto piú fragile della personalità di Michele, «una persona che non aveva paura ad andare controcorrente». Alberto Bertoli, figlio del cantautore Pierangelo, chitarra alla mano ha intonato «A muso duro», una delle canzoni piú conosciute del padre. Una hit che Merlo aveva interpretato diverse volte e alla quale «era particolarmente legato». Alla voce ha fatto la sua comparsa pure Federico Baroni, amico di Mike.

Dietro al microfono hanno fatto capolino anche alcuni tra ragazzi e ragazze che in passato assieme a Merlo avevano partecipato al talent show Mediaset «Amici».

Dal palco ha parlato poi Luna Shirin Rasia, la fidanzata di Michele, la quale ha lanciato un accorato ultimo saluto a Merlo, saluto accolto dai presenti con un applauso.

Sul finire le parole di Mike sono risuonate all'interno dello stadio grazie alla registrazione della lettura di una poesia inedita scritta dal giovane cantante.

Gli amici poco appresso si sono stretti attorno al palco e hanno lanciato in volo dei palloncini.

Dopo l'ultimo ricordo, il feretro ha preso la volta del cimitero sulle note di «Tutto per me», una delle canzoni scritte da Mike, dove la sepoltura è stata prevista in forma in forma privata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Michele Merlo, l'ultimo saluto al giovane cantante

VicenzaToday è in caricamento