Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lodo Guenzi dello Stato Sociale ci parla dello spettacolo e delle sue passioni

Il più lungo applauso della stagione per Il Giardino dei Ciliegi. Il dramma di Cechov con dei veri sfrattati. Video intervista al leader de Lo Stato Sociale

 

Dopo X Factor, Sanremo, 1 Maggio, il cantante de Lo Stato Sociale Lodo Guenzi arriva a Vicenza preceduto dalla fama televisiva. Ci sono in sala genitori con le figlie, la sua notorietà oramai è trasversale. Nel palco dell’Astra è istrionico come sempre. Nell'intervista ci parla di lui, dello spettacolo, della musica, dei libri, di quello che gli piace fare.

“Abbiamo preso Il giardino dei ciliegi per interrogarci su che cosa significhi perdere un luogo dell’anima per ragioni economiche.”

A raccontare la dolorosa storia sono la coppia che l’ha vissuta sulla propria pelle: Annalisa e Giuliano Bianchi hanno sempre abitato in una casa concessa loro in comodato d’uso attorniati da fiori e tante piante straordinarie, animali di tutti i tipi, dal babbuino, alla volpe, da cani, gatti e uccelli, un vero eden alle porte della città. 

Trent’anni di pura felicità, ma nel 2015, ricevono un avviso di sfratto. Il patrimonio di animali, relazioni e magia di questo contemporaneo Giardino dei ciliegi, nell’arco di una mattinata di settembre cessa per sempre di esistere. Arriva Fico il più grande parco alimentare d’Italia e loro se ne devono andare, per la loro sgarrupata casetta non c'è più posto.

E non rimangono che le lacrime per dover lasciare il giardino testimone della propria vita.

.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento