Giovedì, 18 Luglio 2024
Animali

Da dove vengono le rondini e perché non si deve toccare il nido

Fanno tanti chilometri per arrivare da noi ogni primavera

In città come come in campagna le vediamo sfrecciare nel cielo e la loro presenza ci dà la certezza dell'arrivo della bella stagione e di nuovi inizi. Il numero degli esemplari presenti, rispetto agli scorsi decenni, è in netto calo.

Questo è dovuto all' impatto dell'uomo sull'ambiente, infatti la diffusione dell'agricoltura intensiva, e di conseguenza l'uso di pesticidi, sta riducendo il numero di insetti, il loro cibo preferito. 

È un uccello che e si ciba di mosche, zanzare, libellule, ma soprattutto di zanzare. La sua drastica diminuzione sta preoccupando, questo provoca tra l'altro, un aumento sempre maggiore di zanzare.

I Nidi di rondine

All’inizio di maggio la maggior parte delle rondini comincia a fare "casetta". Visto il loro numero sempre in calo c'è una legge che vieta di danneggiare i nidi, dove si riproducono generalmente per 2 volte l' anno, deponendo 4/5 uova, che vengono covate da entrambe i genitori per 16/17 giorni.
Già a 20 giorni dalla nascita, i piccoli raggiungono le stesse dimensioni degli adulti e sono pronti per lasciare volare via. Una volta nidificavano in grotte o nelle scogliere, oggi prediligono i sottotetti delle abitazioni. Quindi se trovate un nido di rondini non distruggetelo, non solo perché è proibito dalla legge, ma anche per il vostro bene. 

Se vedete qualcuno che distrugge o provoca qualsiasi forma di disturbo alla specie, segnalate l’evento al Corpo Forestale sono tutelati dalla legge n. 157/92 del codice penale, che ne vieta l’uccisione e la distruzione.

Il lungo viaggio delle rondini

Vengono a primavera, viaggiano in enormi stormi e volano attraverso il deserto del Sahara o lungo la valle del Nilo partendo dal Sud Africa.

Le rondini in migrazione possono coprire fino a 320 km al giorno circa, con una velocità media di 32 km/h e preferisccono volare a bassa quota. Per rondine noi intendiamo la specie più diffusa dalle nostre parti, la rondine comune, di colore blu scuro, quasi nero sul dorso e grigiastro sul ventre, lunga poco meno di 20 cm e dalla coda biforcuta.

Il suo peso è di circa 20 grammi, ma ha un fisico da campione, infatti per arrivare da noi, percorre ogni anno anche fino a 11.000 chilometri.

Quando le rondini se ne vanno

I primi giorni di settembre la maggior parte delle rondini si prepara a migrare. Volano in modo irrequieto e spesso si radunano sui fili del telegrafo. In autunno le rondini lasciano l’Italia, le prime a partire sono le giovani nate durante l’estate. Qualche rondine isolata può iniziare il viaggio anche in ottobre.

Il viaggio verso l’Africa dall’Italia dura circa 1 o 2 settimane.

Le rondini dalle diversi provenienze europee volano verso differenti destinazioni in Africa, quelle che nidificano in Italia trascorrono l’inverno nella Repubblica Centroafricana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da dove vengono le rondini e perché non si deve toccare il nido
VicenzaToday è in caricamento