Eurospar di Camisano dona la merce in eccedenza alla "Basta sprechi vicentina onlus"

Il supermercato è entrato a far parte di un circuito che comprende diversi punti vendita gestiti da Despar nel vicentino: da fine luglio l’associazione ritira due volte alla settimana la merce non più vendibile ma ancora commestibile. Nel punto vendita è attiva anche una carta sconti per gli over 65.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VicenzaToday

I numeri dello spreco alimentare in Italia, pur con segnali di miglioramento, continuano a essere preoccupanti: nel 2017, sui campi, nella produzione industriale e lungo tutta la filiera distributiva ci sono state perdite per un valore di oltre 2,2 miliardi di euro (lo 0,6% del PIL). Una buona parte dello spreco alimentare avviene però nel frigo di casa: un recente studio promosso dal Ministero dell’Agricoltura e dall’Università di Bologna ha quantificato lo spreco domestico in 84 chili a famiglia e 36 chili a persona.

La necessità di prevenire e ridurre lo spreco, a livello nazionale e non solo, è amplificata ulteriormente dai dati sulla povertà alimentare in Italia, che coinvolge quasi tre milioni di persone. “Uno scenario di questo tipo rende urgente e indispensabile l’impegno di tutti per la prevenzione dello spreco e la lotta alla povertà alimentare”, dichiara Fabio Donà, direttore marketing di Aspiag Service, la concessionaria Despar per il Triveneto e l’Emilia Romagna. “Per questa ragione la nostra azienda è attiva dal 2003 con progetti di recupero delle eccedenze, in collaborazione con Banco Alimentare e Last Minute Market.

E già dal 2015 tutte le nostre filiali Despar, Eurospar e Interspar sono abbinate a uno o più enti beneficiari, che ridistribuiscono la merce raccolta a tantissime persone e famiglie in difficoltà”. Nel 2017, questo ha permesso di rimettere in circolo cibo per un valore di 5,9 milioni di euro, consentendo a oltre 200 enti, associazioni e onlus di produrre più di due milioni di pasti.

Dallo scorso luglio è entrato a far parte di questa rete benefica anche il supermercato Eurospar che l’azienda ha inaugurato a fine 2017 a Camisano Vicentino: tutta la merce non più commercializzabile ma ancora commestibile viene infatti consegnata alla "Basta Sprechi Vicentina Onlus", associazione che ha creato una vera e propria rete tra le organizzazioni di volontariato nel vicentino, a cui ridistribuisce la merce raccolta. La Onlus, grazie ai suoi furgoncini refrigerati, raccoglie il cibo donato anche da altri supermercati che Aspiag Service gestisce a Vicenza e provincia: all’interno di questo progetto di recupero sono accreditati infatti anche gli Interspar di Vicenza (in Via del Mercato Nuovo e Borgo Berga), Schio e Montecchio Maggiore, e gli Eurospar di Vicenza e Caldogno. Presso l’Eurospar di Camisano Vicentino i prelievi della merce donata avvengono due volte la settimana (mercoledì e venerdì).

Non è l’unica iniziativa di valore sociale messa in campo a Camisano dal marchio con l’abete: dallo scorso giugno, infatti, nel punto vendita è attiva la card “Happy 65” (per i più “smart” anche in versione digitale nell’App Despar Tribù), che consente a chi ha più di 65 anni di ottenere il 10% di sconto su qualsiasi spesa dai 40 euro in su. Per ottenere la card è sufficiente presentarsi al box informazioni del supermercato con un documento d’identità. “In una situazione socio-economica ancora instabile”, conclude Donà, “vogliamo sostenere concretamente le fasce più sensibili della popolazione”.

Torna su
VicenzaToday è in caricamento