Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Flashmob davanti al liceo Quadri: l'appello degli studenti

La proroga della riapertura delle scuole in Veneto al 1 febbraio suscita tante critiche. La Rete degli Studenti Medi di Vicenza lancia un video-appello per chiedere alla Regione un piano concreto

 

"Siamo davanti al Quadri e alla  Regione a Venezia, nel pieno rispetto dei decreti, perché non possiamo permetterci di rimanere con le mani in mano dopo la proroga della chiusura delle scuole per la mancanza di un piano. - dichiara Riccardo, della Rete degli Studenti Medi di Vicenza- Guardando ai contagi sappiamo perfettamente come il Veneto non abbia avuto una buona organizzazione, ma il fatto che non ci sia stato un piano pronto a riaccogliere gli studenti in aula è vergognoso: ancora una volta sono gli studente a pagare! Non ci stiamo, non siamo marionette da spostare a piacimento."

Gli Studenti della Rete di Vicenza, hanno lanciato un video appello regionale e si sono trovati davanti al Quadri la mattina del 7 gennaio, giorno in cui ,secondo le linee del ministero, si sarebbero dovuti riaprire finalmente i cancelli delle scuole superiori del paese.

"Non possiamo accettare che si dia una comunicazione così importante a soli tre giorni dalla presunta riapertura delle scuole,  facendosi trovare senza alcun piano per trasporti, spazi e tamponi. Bisogna tornare a fare scuola in presenza: la dad é, dati alla mano, uno strumento di emergenza che però, nel lungo periodo rischia di fare abbandonare gli studi a 34 mila adolescenti. - conclude Pietro Fracca della Rete di Vicenza- Qui l'unico piano per  l'istruzione pubblica sembra essere un piano di distruzione!"

Copyright 2021 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento