rotate-mobile
Mercoledì, 22 Marzo 2023

VIDEO | Caso Pfas, tra denunce, attese e silenzi

Giorgio Destro è il legale di una associazione padovana che già cinque anni fa aveva chiesto lumi non solo sulla maxi contaminazione attribuita alla Miteni ma anche sull'operato di chi era deputato ai controlli

Un esposto indirizzato in due tempi. Un sollecito sotto la forma di una richiesta di avocazione del fascicolo dalla procura di Vicenza alla procura generale veneziana. Una richiesta di sequestro per evitare che «la Miteni» aggravasse la situazione di  l'inquinamento da derivati del fluoro che «ha colpito mezzo Veneto»: il tutto senza avere mai un vero riscontro dagli uffici giudiziari berici nonostante questo fosse stato formalmente richiesto. È questo lo sfogo amaro, una sorta di j'accuse senza sconti, che l'avvocato Giorgio Destro legale della associazione padovana «La terra dei Pfas» lancia davanti alle telecamere di Vicenzatoday.it. Una associazione che ancora nel 2017 aveva interpellato la procura di Vicenza chiedendole di valutare, tra le altre, eventuali omissioni da parte di soggetti pubblici deputati alla vigilanza sulle condotte della industria chimica trissinese al centro dell'affaire Pfas. Uno scandalo sfociato in un maxi processo sul quale però si addensano dubbi di ogni tipo.

LEGGI L'APPROFONDIMENTO

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Caso Pfas, tra denunce, attese e silenzi

VicenzaToday è in caricamento