rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Volley

Pool Salvezza A2. L’Anthea Vicenza si ferma sul più bello: Montale rimonta e vince al tie-break

Il 2-0 doveva spianare la strada alle biancorosse che poi si sono eccessivamente rilassate nel terzo set

Maratona amara per l’Anthea Vicenza Volley, che nella terza giornata della pool salvezza di A2 femminile cede 16-18 al tie break al Montale nel secondo impegno casalingo ravvicinato dopo il bel 3-1 di sabato scorso contro Lecco. La squadra di Ivan Iosi (orfana nell’occasione di Jessica Panucci e Gaia Munaron) ha confermato per buoni tratti gli ottimi segnali visti nel precedente match: il carattere che ha permesso per esempio la rimonta nel primo parziale (da 21-24 a 27-25), il bel gioco che ha fatto dominare il secondo set (25-15) e stare in cattedra fino a quasi metà del terzo (12-7). Qui, però, le beriche si sono fermate, non spingendo più sull’acceleratore, così l’Emilbronzo 2000 ne ha approfittato per dar vita a una nuova partita nella partita, rimontando fino al tie break. Quinto e decisivo set giocato alla pari, con due match point non sfruttati e con le emiliane capace di chiudere al proprio secondo tentativo.

All’Anthea non sono bastati i 29 punti di Julia Kavalenka, devastante nel secondo set (11 punti con 9 su 9 in attacco), perché nel complesso è mancata la continuità per chiudere i conti. Da segnalare l’ottimo esordio della giovanissima Alessia Andreis (classe 2005), preziosa in battuta con tanto di ace nel quinto set. Domenica trasferta cremasca a Offanengo al cospetto della Chromavis Eco DB. L’Anthea Vicenza Volley scende in campo con Galazzo in regia, Kavalenka opposta, Legros e Ottino in banda, Farina e Cheli al centro e Formaggio libero. Montale risponde con la diagonale Lancellotti-Visintini, mentre Frangipane e Zojzi compongono l’asse di posto quattro; Fronza e Rossi sono le centrali, mentre Bici è il libero. Montale parte meglio (0-2 e 2-4 con ace di Frangipane), poi Zojzi trova il +4 da posto quattro con due contrattacchi consecutivi (2-6), salvo poi firmare il muro del 3-8 su Legros. Il riscatto berico porta la firma di Alice Farina (attacco più muro per il 5-8). Altro muro locale per il -2, ma Montale rende pan per focaccia con Rossi su Kavalenka (6-10).

Frangipane attacca out (10-12), poi si riscatta con gl iinteressi con schiacciata e muro: 10-14 e time out Iosi. Vicenza non demorde (13-15, out Zojzi) e Ghibaudi ferma il gioco, ma Galazzo trova l’ace che aggiunge un mattoncino. L’attacco out di Kavalenka, però, vanifica la rimonta (14-17). Altro errore dell’opposta di casa (15-19), con l’Anthea che non trova il ritmo in battuta (18-22). Seconda sosta locale, Visintini trova il contrattacco del +5, dentro Ferraro in palleggio, mentre Legros firma il muro della speranza (20-23), con la fiammella alimentata dall’attacco mancino di Ottino (21-23). Time out emiliano, Farina e Kavalenka tengono in carreggiata Vicenza (23-24), poi il muro di Legros completa l’aggancio. L’americana picchia forte da posto quattro (25-24), con il set ball annullato da Visintini. Farina confeziona la seconda occasione biancorossa, poi Kavalenka non perdona (27-25). Nel secondo set, Vicenza riprende con Ferraro confermata in sestetto e autrice dell’ace del 4-1 che vale il time out di Ghibaudi. La nuova entrata Bozzoli firma attacco e mezzo ace chiuso da Frangipane (7-5). Un’invasione aiuta le modenesi a rifarsi sotto (9-8), ma Kavalenka rilancia con i suoi potenti attacchi (11-8).  Montale non trova ritmo in side out e va sotto 14-9.

Ghibaudi spende l’ultimo time out, ma Ferraro trova l’ace con la complicità del nastro . L’Anthea è spinta dalla “solita” Kavalenka (18-10), Montale non c’è (rientrata Zojzi in banda) e così l’ace di Cheli vale il 25-15 e il 2-0 berico. Il terzo set vede l’Emilbronzo 2000 provare a reagire con il capitano Fronza, anche se la squadra di Iosi non vuole rallentare (6-4 con Ottino). La fast di Rossi si infrange sul nastro (8-5), poi l’Anthea scappa con due contrattacchi della stessa Ottino: 10-6 e time out Ghibaudi. Due errori in attacco di Legros aiutano Montale a sperare, con Frangipane a segno da posto quattro (12-10).  Un’invasione veneta decreta il -1 ospite (14-13), con il muro dell’ex Visintini ad azzerare il gap. Time out Iosi, ma Frangipane continua a macinare punti e un’altra invasione vale il break (15-17). Il muro di Cheli rilancia Vicenza (parità a quota 18), quello di Ferrari mette la freccia (20-19, time out modenese), ma Montale trova la forza per chiudere uno scambio infinito e riportarsi avanti (20-21). Il muro di Fronza è pesante (21-23, time out Iosi) e le modenesi riaprono il discorso: 22-25. Dopo la beffa subita, l’Anthea prova a ripartire (4-2 con Kavalenka), ma Montale risponde subito presente (4-4) per poi allungare sul 7-10. Rientra Galazzo in regia, ma il motore di Vicenza si spegne: 7-11 e time out Iosi. Le modenesi crescono nel muro-difesa e bagnano le polveri venete (10-14), oltre a trovare i varchi in attacco sfruttando i pallonetti.

L’ace di Lancellotti lancia in orbita Montale (13-18), che poi scappa ulteriormente con i due attacchi di Frangipane (13-20). Sul 16-20, sosta ospite, ma le modenesi volano verso il tie break: 20-25 a firma della giovane Bozzoli. Nel set decisivo, l’asticella colpita da Kavalenka vale il primo break (2-4), poi il muro di Cheli ristabilisce la parità immediata (4-4). Montale cambia campo in vantaggio di uno (7-8, muro di Fronza) e tiene il punto anche alla boa del dieci. Il pallonetto di Visintini regala il 9-11 alle ospiti (time out Iosi), poi Ottino incrocia l’asta (9-12). L’ace della giovanissima Andreis rianima l’Anthea (11-12, time out Ghibaudi), che aggancia con il primo tempo out di Fronza. Ottino si riscatta da posto quattro (13-12, time out ospite), lanciando la volata. Cheli confeziona il primo match point, annullato da Bozzoli (14-14), che poi concede il bis per la prima chance modenese. Ancora Cheli (15-15), altra chance berica non sfruttata. Frangipane va a segno (16-17), poi chiude lei a muro: 16-18.

Questo il commento di coach Iosi: “Bravi nel primo set a rimontare nel finale, poi ancor di più ad allungare fino al 2-0 e al 12-7. Poi cos’è successo? Ci siamo un attimo rilassati involontariamente, pensando senza volere che loro magari non avessero più energie da spendere. Montale, invece, ci ha creduto e ha giocato sulle nostre imprecisioni, mentre noi abbiamo iniziato a commettere qualche errore di troppo che ha aiutato loro a rientrare. Il quarto set avevamo tutto da perdere moralmente  e siamo stati contratti, poi nel quinto poteva vincere chiunque, mi spiace che tre errori arbitrali, soprattutto uno dove io ho preso il cartellino giallo, abbia fatto pendere l’ago della bilancia a nostro sfavore. Ci sono mancate un po’ di concretezza e continuità, oltre a qualche cambio disponibile. La giovanissima Andreis è stata impeccabile nel suo esordio. Questo punto lascia molto amaro in bocca”. Il tabellino del match:

ANTHEA VICENZA-EMILBRONZO 2000 MONTALE 2-3 (27-25, 25-15, 22-25, 20-25, 16-18)

VICENZA: Ottino 10, Cheli 13, Galazzo 1, Legros 13, Farina 12, Kavalenka 29, Formaggio (L), Ferraro 2, Andreis 1, Groff. N.e.: Del Federico (L), Panucci, Digonzelli, Martinez. All.: Iosi

MONTALE: Rossi 7, Lancellotti 3, Frangipane 20, Fronza 15, Visintini 10, Zojzi 4, Bici (L), Bozzoli 11, Bonato L.. N.e.: Montagnani, Bonato M., Mescoli, Mammini. All.: Ghibaudi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pool Salvezza A2. L’Anthea Vicenza si ferma sul più bello: Montale rimonta e vince al tie-break

VicenzaToday è in caricamento