rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Sport

Verso Virtus Verona - LR Vicenza: quale formazione scacciacrisi?

Intanto oggi la squadra frequenta il previsto corso per il corretto uso del defribrillatore. Un modo concreto per alzare il tasso di sicurezza in campo e per celebrare l’indimenticato Mario Morosini, di cui il 14 aprile celebreremo il settimo anniversario della morte, da quel maledetto 31° minuto di Pescara-Livorno

La partita di dopodomani si preannuncia più importante in caso di sconfitta o pareggio che in caso di vittoria, visto che il Vicenza si troverà ad affrontare l’ultima in classifica, la Virtus Vecomp, relegata a 22 punti. Tuttavia giocare a Verona rende comunque sentita la gara, anche se i biancorossi non saranno in campo al Bentegodi ma sul molto più modesto terreno di Montorio, cittadina nota ai più solo per averci fatto il CAR durante il servizio militare.

In attesa della conferenza stampa del mister, che darà indicazioni sulle scelte operate da Michele Serena, ricordiamo che il match dell’andata al Menti non fu propriamente una passeggiata per gli uomini di Colella. Il Lane, dopo essere andato in vantaggio, subì la doppietta scaligera, poi riuscì a pareggiare grazie ad un penalty ed infine a vincere, ma solo in zona Cesarini con il gol di capitan Bizzotto.

I padroni di casa, nelle ultime quattro gare sono reduci da due sconfitte e due pareggi, mentre gli ospiti vengono da una vittoria , una sconfitta e due pareggi. Gli ex del Lane in maglia rossoblù sono due: Domenico Danti e Francesco Grandolfo (che in realtà ha vestito solo la maglia del Bassano).

In casa berica la curiosità si concentra sull’attacco, per verificare se il tecnico confermerà la prima linea a tre punte (Giacomelli, Guerra e Arma), che non ha certo esaltato contro la Fermana, oppure se imboccherà altre strade, magari dando spazio a Tommy Maistrello, oppure tornando al 4/3/2/1, chiamando in causa Curcio. Possibile a centrocampo l’utilizzo di Zonta, con un turno di riposo a Cinelli e facile il via libera fin dal primo minuto a Zarpellon, che ha ben figurato nell’ultima gara. Pochi dubbi in difesa, con l’unica stimolante ipotesi di un Laurenti impiegato a sorpresa in fascia destra per coprire il vuoto degli infortunati.

Intanto oggi la squadra frequenta il previsto corso per il corretto uso del defribrillatore. Un modo concreto per alzare il tasso di sicurezza in campo e per celebrare l’indimenticato Mario Morosini, di cui il 14 aprile celebreremo il settimo anniversario della morte, da quel maledetto 31° minuto di Pescara-Livorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso Virtus Verona - LR Vicenza: quale formazione scacciacrisi?

VicenzaToday è in caricamento