rotate-mobile
Sport

Vicenza-Spezia, le caratteristiche della squadra di Mimmo Di Carlo

Sono tre i sistemi di gioco adottati in questa stagione dal tecnico bianconero: 4-3-3, 4-2-3-1 e 4-4-2. I giocatori chiave sono: Terzi, Pulzetti, Catellani e Calaiò

Vicenza-Spezia, non è solo una delle undici partite in programma nella trentottesima giornata di Serie B, ma anche un’occasione, per Mimmo Di Carlo, di ritornare di nuovo al ‘Romeo Menti’ dove, per nove stagioni come calciatore, ha conquistato una promozione in Serie B nel 1993, una in Serie A nel 1995, una Coppa Italia nella  stagione 1996-97 ed ha raggiunto la semifinale di Coppe delle Coppe nella stagione successiva.  Per Vicenza e Spezia, sarà anche l’occasione di conquistare ulteriori tre punti che possano consentire ad entrambe di fare un ulteriore passo in avanti verso il raggiugimento dell’obiettivo stagionale.

 LE STATISTICHE Dopo trentasette giornate di campionato, lo Spezia si ritrova al sesto posto in tandem col Cesena con 58 punti, grazie a 15 vittorie, 13 pareggi e 9 sconfitte, segnando 42 reti e subendone 40. Delle quindici vittorie conquistate finora, 9 sono state ottenute in casa e 6 in trasferta. L’ultima volta che i liguri hanno conquistato in trasferta , risale al 2 aprile scorso contro il Cagliari (1-2). La miglior vittoria casalinga, risale alla ventiquattresima giornata contro la Salernitana (3-1). La miglior vittoria esterna, è invece arrivata alla trentaquattresima giornata contro la squadra Calaiò-2di Rastelli (1-2). La peggior sconfitta interna è giunta, sempre contro i sardi, alla tredicesima giornata (0-3) mentre, la peggior sconfitta lontano dalle mura amiche si è registrata all’ottava giornata contro il Cesena (5-1). Da quando è incominciato il girone di ritorno, la squadra di Di Carlo ha ottenuto 9 vittorie, 5  pareggi e 2 sconfitte, segnando 21 gol e subendone 9. 

LA TATTICA I sistemi di gioco più utilizzati in questa stagione dall’allenatore bianconero sono tre: 4-3-3, 4-2-3-1 e 4-4-2. I giocatori chiave del tecnico dello Spezia sono: Terzi in difesa, Pulzetti  a centrocampo e Calaiò e Catellani in attacco. Tra questi, i calciatori che hanno un’importanza maggiore nello scacchiere di Mimmo Di Carlo, sono Catellani e Calaiò. Il primo perché, nel 4-3-3 riveste il ruolo di esterno alto mentre, nel 4-2-3-1, ha avuto modo di giocare come trequartista centrale. Quest’ultima soluzione, viene utilizzata dal tecnico ligure quando vuole  sfruttare l’ampiezza e la profondità con gli esterni. Per quanto concerne Calaiò invece, ha avuto modo di giocare sia come unica punta che come prima, affiancato da Nenè nel 4-4-2. Nelle trentasette giornate disputate finora, il tecnico dello Spezia ha optato per quest’ultimo modulo quando voleva una maggiore copertura sulle fasce ed un centrocampo più propenso alla fase d'interdizione, affidandosi a giocatori come Canadjiija e Juande.  Ha rivestito finora un ruolo importante, nello Spezia anche Pulzetti che ha preso il posto del regista croato Brezovec, trasferitosi a gennaio nuovamente al  Rijeka. Finora, l’ex centrocampista di Cesena e Bologna, ha disputato dodici partite segnando 1 gol.                                                                                                

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicenza-Spezia, le caratteristiche della squadra di Mimmo Di Carlo

VicenzaToday è in caricamento