Vicenza-Ravenna, il pre partita di Colella: "Jack o non Jack?"

Qualche segnale di speranza per il capocannoniere alla vigilia di una partita delicata al Menti: le parole del mister

Mister Colella (foto archivio LR Vicenza)

Vigilia di una partita delicata al Romeo Menti. Colella non si nasconde:

“In un calcio così esasperato non si può mai sbagliare, figurarsi sbagliare due volte, com’è stato con Teramo e Gubbio. Non viviamo certo il nostro momento migliore ma siamo a dicembre e c’è tempo per ritrovare forma e risultati. Sono abituato ad essere molto critico con me stesso e non mi nascondo che il tentativo di trovare nuove soluzioni e di aggiungere qualcosa al nostro bagaglio di gioco ultimamente non ha dato buoni frutti. Succede… Ma sono abituato a seguire la mia strada al di là della contingenza negativa. Doveva capitare, prima o poi, che ci fosse una flessione e che i tifosi non fossero soddisfatti e ci criticassero. Li capisco benissimo. Nostro compito è fare in modo che certe battute di arresto finiscano presto.”

- Su cosa state lavorando in particolare?

“Da una ventina di giorni ci concentriamo molto su certi gol subìti in modo inopinato. Ma il problema non è solo qualche disattenzione difensiva. Anche a centrocampo c’è qualcosa da rivedere e pure in attacco le cose non stanno funzionando come prima. Non dimentichiamo però che abbiamo dovuto rinunciare al capocannoniere e che lo stato di forma di Arma oggi non è al 100%. Ho provato a supportate la prima linea con l’innesto di elementi forti fisicamente, ma non abbiamo ottenuto i risultati sperati. Si parla molto di Curcio, come la delusione maggiore in questo reparto. Anche io mi attendevo di più in fase offensiva, ma non è l’unico ad essere sottotono. Vedremo di qui in poi… Quel che è certo è che chi merita di giocare andrà in campo, se no resterà fuori. Ma è del tutto evidente che la coperta è corta: se potenziamo la fase offensiva rischiamo di scoprirci troppo dietro. Abbiamo un buon organico ma non sono molti i giocatori che hanno un Palmares vincente, cioè che sono abituati a lottare per il vertice. Stiamo studiando per diventarlo, senza però rinunciare a quella che è la nostra missione fondamentale e cioè la valorizzazione dei giovani. C’è un prezzo da pagare per questa politica coraggiosa…”

Notizie dall’infermeria?

“Oggi Giacomelli si è allenato e tutto sommato ho ricavato indicazioni confortanti. E’ chiaro che siamo di fronte ad una scelta delicata: lui è indispensabile per un certo tipo di gioco, che si è rivelato vincente, tuttavia c’è il rischio di forzarlo e magari di perderlo per un lungo periodo.”

Ma cos’ha precisamente Stefano?

“Soffre da lungo tempo la sua fratturina al mignolo del piede ma in questo periodo lamenta anche un problema al polpaccio per una lacerazione contusiva. Oggi correva bene, ma ogni decisione la prenderò domattina. Anche Andreoni va gestito con attenzione: lo conosco da oltre un anno e il suo guaio ha avuto ben sette ricadute. Per non parlare della schiena di Mantovani e degli acciacchi di Salvi…”

L’impressione è che la formazione per domani potrebbe essere: Grandi, Davide Bianchi, Pasini, Bizzotto, Solerio, De Falco, Zonta, Laurenti, Zarpellon, Curcio, Arma. I possibili dubbi riguardano l’utilizzo di N. Bianchi al posto di Laurenti e quello di Tronco al posto di Curcio come trequartista. Più difficile l’opzione di un 4/3/1/2 con spostamento di Curcio in avanti (come giocava nell’Arzachena) a fianco di Arma. Dovesse rischiare Jack, il mister potrebbe infine riproporre il consueto modulo 4/3/2/1 oppure rinunciare allo stesso Curcio affidando al giovane Zarpellon compiti di guastatore. Inizio di gara alle ore 20.45.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada con l'auto e muore sul colpo: aveva solo 25 anni

  • Gambero rosso 2021: tre forchette a La Peca, due ad Acqua Crua e altri sei vicentini

  • La terra di scavo si ribalta, 32enne schiacciato dal mezzo: vani i tentativi di rianimazione

  • E' in arrivo la Luna del Castoro: ecco quando brilla in cielo

  • Coronavirus, record di casi nel Vicentino: più di 1000 nuovi contagi in poche ore

  • Foliage: ecco i luoghi più belli dove ammirarlo nel vicentino

Torna su
VicenzaToday è in caricamento